Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:09 METEO:PISA19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontri Cgil, il video della trattativa tra Castellino e la polizia prima del corteo: «Vogliamo Landini»

Attualità giovedì 01 dicembre 2016 ore 09:09

"Sul sangue donato nessun spreco"

L'azienda ospedaliera pisana risponde alla nota del M5s che aveva parlato di emazie concentrate buttate via come rifiuto



PISA — "I numeri riportati nella nota del consigliere regionale del Movimento 5Stelle Andrea Quartini in riferimento alle emazie scadute non corrispondono alle risultanze del Centro trasfusionale dell’Aoup ma soprattutto non tengono conto dell’organizzazione che c’è dietro la rete trasfusionale che copre tutto il territorio regionale". 

E' questa la risposta dell'azienda ospedaliero universitaria pisana alla presa di posizione del consigliere regionale del M5s Andrea Quartini ( vedi articoli correlati ) che aveva segnalato come l'Aoup avesse gettato sangue non usato.

"L'organizzazione - dice l'ospedale pisano - prevede infatti che le sacche in scadenza negli ospedali più piccoli delle tre aree vaste vengano centralizzate in quelli con una produzione chirurgica più elevata come l’Aoup. Le sacche dell’area vasta nord-ovest quindi arrivano tutte all’ospedale di Pisa.

La scadenza fisiologica poi, per alcuni gruppi sanguigni meno richiesti, arriva come è regolare che avvenga, ma non si tratta dei numeri riportati nella nota del consigliere regionale, probabilmente cumulativi e riferiti a diversi anni addietro, prima della costruzione della filiera regionale del sangue. T

anto per riportare alcune cifre: nel 2016, in tutta l’area vasta nord-ovest, sono scadute solo 220 sacche, un numero assolutamente in linea con la media nazionale. 

E anche negli anni precedenti, la media dello scaduto era sempre in linea con quella del consumo ospedaliero (e l’Aoup è un ospedale che consuma una media di 30mila unità di sangue l’anno, considerata anche l’attività trapiantologica). Inoltre, nel 2015, in tutta la Regione Toscana, si è registrato un calo delle unità eliminate per scadenza, di oltre il 60% rispetto all’anno precedente: ne sono state infatti eliminate mille.

Quanto infine alle emazie prese da altre Regioni, questa pratica rientra nel sistema di compensazione nazionale che prevede appunto che, fra le Regioni, ci sia un meccanismo per cui si acquista e si cede a seconda delle necessità"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo è stato bloccato dalla polizia municipale dopo una colluttazione. Poi, durante i controlli, è spuntato fuori lo stupefacente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Cronaca

Cronaca