Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA16°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 22 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Anniversario Falcone, la sorella Maria: «Non dimenticherò mai la maglia verde di Borsellino alla quale mi abbracciai»

Attualità giovedì 20 gennaio 2022 ore 17:25

Via libera per il nuovo Ospedale dei Bambini

Il Comune ha rilasciato alla Stella Maris l'atteso permesso a costruire. “Facciamo presto, c’è bisogno di nuove strutture per la diagnosi e la cura”



PISA — Via libera dal Comune di Pisa, con il permesso a costruire, per il nuovo polo ospedaliero della Fondazione Irccs Stella Maris. Si tratta di una struttura di 12 mila metri quadrati che sorgerà nell’area di Cisanello a Pisa dal costo stimato di 25 milioni di euro (di cui 4 per l’acquisto dell’area). L'annuncio è arrivato stamani in un incontro in loco, cui hanno partecipato – tra gli altri - il sindaco di Pisa Michele Conti, Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato, Silvia Briani, direttore generale Aoup, Riccardo Zucchi, in rappresentanza del Rettore dell’Università di Pisa, e gli amministratori della Stella Maris. 

"Una tappa fondamentale - hanno commentato dall'Irccs - che consente alla Fondazione di andare verso le fasi più operative del progetto, ovvero la verifica ed eventuale rivalutazione dei costi e il bando di gara. Se tutto procederà senza intoppi entro l’anno potrebbe aprirsi il cantiere, poi ci vorranno 32 mesi per la costruzione del nuovo complesso".

“Per la città di Pisa - ha commentato il sindaco Conti - quello che presentiamo oggi è un passaggio di rilevanza fondamentale per le prospettive di sviluppo che apre. Siamo davvero soddisfatti di essere arrivati al rilascio del permesso a costruire del nuovo complesso ospedaliero della Fondazione Stella Maris”.

“E’ stato un percorso lungo e complesso – ha ricordato il primo cittadino – , che ha visto grande impegno e disponibilità da parte dell’Amministrazione comunale e degli uffici tecnici, che ringrazio per il lavoro svolto. Molti sono stati i passaggi procedurali seguiti con costanza dal Comune per poter arrivare alla realizzazione dell’opera che la nostra Amministrazione ha riconosciuto, nella convenzione stipulata nel 2021, come struttura sanitaria di interesse pubblico. Il nuovo ospedale sarà una struttura sanitaria di eccellenza, realizzata con criteri fortemente innovativi, tecnologici e sostenibili, idonea ad ospitare un centro di cura e di ricerca diventato punto di riferimento nazionale e internazionale per la neuropsichiatria e la psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza". 

"Grazie alla nuova collocazione che lo inserirà nell’area dell’assistenza biomedica di Cisanello - ha ricordato ancora Conti -, potrà sviluppare nuove funzionalità, andando a potenziare i servizi di assistenza sanitaria e ricerca. La struttura, circondata da un’area verde di due ettari attrezzata con aree ricreative e giardini sensoriali in continuità con il Parco urbano di Cisanello, rappresenterà per il quartiere un intervento fortemente innovativo e riqualificante. Sarà un’opera strategica fondamentale per Pisa, ma soprattutto per i bambini e le famiglie di tutta Italia che hanno bisogno di cure e sostegno per costruire un futuro migliore”.

“Il progetto di costruzione del Nuovo Ospedale dei bambini di Stella Maris è un sogno che pian piano si sta realizzando - così monsignor Migliavacca -. Il passo che viviamo oggi, e che segna l’autorizzazione ad avviare i lavori (primo importante passaggio per il sorgere di questa struttura), è un momento estremamente significativo e bene augurante per un progetto bello e così importante per tutti quei bambini che ne hanno bisogno e per le loro famiglie”.

Ai pazienti ha fatto un richiamo il professor Giovanni Cioni, Direttore scientifico di Stella Maris, auspicando che “l’ospedale sia pronto presto, perché già prima della pandemia, ma ancor più oggi, si è verificato un enorme incremento dei disturbi neuropsichici dei bambini e degli adolescenti (soprattutto relativi alla salute mentale) e c’è quindi un crescente bisogno di strutture nuove per la diagnosi e la cura di questi disturbi. Dobbiamo far presto con l’aiuto di tutti, progettisti, direzione lavori, amministrazione della Stella Maris, imprese che si aggiudicheranno gli appalti, donatori che con il loro piccolo grande contributo ci permetteranno di dotare l’ospedale delle tecnologie di diagnosi e cura più aggiornate e purtroppo costose". 

"Per questo vi sarà un aggiornamento del progetto per rendere questa struttura uno smart hospital - ha anticipato Cioni -, un ospedale intelligente, per una medicina sempre più di precisione, più individualizzata ai bisogni di ogni bambino e adolescente, sempre più capace di garantire un rapporto continuo in telemedicina tra ospedale, pazienti e famiglie anche lontani, con i pediatri ospedalieri e di base, con i centri di neuropsichiatria infantile che inviano oggi da tutta Italia i loro pazienti al nostro ospedale. Completando presto questo ospedale, esempio di questo nuovo approccio, potremmo contribuire a trasformare l’epidemia ed il lockdown da un grave fattore di rischio e di aggravamento per questi disturbi in un’occasione per migliorarne la cura”.

Tra i “vicini di casa” c’è l’Azienda ospedaliero universitaria pisana. “In un futuro ormai non più lontano saremo ‘vicini di casa’ con il nuovo Ospedale dei Bambini della Fondazione Stella Maris – ha commentato la direttrice Aoup Briani – e questa prossimità dal punto di vista logistico è un indubbio valore aggiunto nell’ottica delle cure complessivamente intese. Perché se è vero che oggi tanta salute viene erogata anche a distanza con la telemedicina, e la pandemia da Covid-19 ce l’ha insegnato, nulla può sostituire il valore della vicinanza, di pazienti e professionisti”. 

“E’ significativo che la nuova sede si venga a collocare a pochi metri di distanza dall’Ospedale di Cisanello (che sarà anche la nuova sede di tutta la medicina universitaria), dai Dipartimenti universitari di Chimica e Biologia e dall’area di ricerca del CNR – ha ricordato il professor Zucchi, Direttore della Scuola di Medicina dell’Università di Pisa -. Questa collocazione esprime anche plasticamente il ruolo centrale che per la nostra città assume il sistema della conoscenza e della ricerca, con le sue ricadute applicative. L’integrazione fra Università, Scuole di eccellenza, CNR, istituzioni quali appunto la Fondazione Stella Maris e la Fondazione Monasterio, costituisce un punto di forza unico nel contesto regionale e nazionale che deve essere valorizzato a pieno da tutte le istituzioni competenti”.

Soddisfatto il Presidente della Stella Maris, Giuliano Maffei: “Dopo un lungo iter dovuto alla farraginosità delle procedure amministrative, ai due anni di COVID ed anche alla complessità del progetto del Nuovo Ospedale così fortemente innovativo, oggi i nostri bambini, i nostri ragazzi e le loro famiglie, i nostri dipendenti e collaboratori, i nostri scienziati, ma anche la città di Pisa e la nostra bella Toscana e noi tutti, riceviamo questo grande dono. Nonostante le difficoltà di ogni tipo affrontate in questi anni non abbiamo mai abbandonato questo folle sogno perché la nostra missione fondativa ed il nostro carisma ci impongono di andare avanti ad ogni costo per fare il bene e portare la speranza alle famiglie che vivono la fragilità neuropsichiatrica dei loro figli. Siamo nati per questo, per fare e per dare, in Scienza e Amore. Siamo nati per vivere una vita che abbia senso, perché questo è il vero bisogno della nostra anima. Ringrazio con grande affetto il Sindaco Michele Conti, la sua Giunta e l’intero Consiglio Comunale per l’impegno costante profuso e la vicinanza, anche di cuore, a Stella Maris”.

Un impegno durato oltre 10 anni, come ricorda Roberto Cutajar, direttore generale di Stella Maris, il cui inizio data il lontano 2011 con la lettera di notifica di interesse per l’area di Cisanello inviata alla provincia e al Comune di Pisa: “L’acquisizione del terreno, avvenuta nel 2015, ne ha costituito il primo concreto tangibile passo. Certo, pensando a queste date, 2011, 2015, essere arrivati fino al 2022 per il permesso a costruire necessiterebbe qualche riflessione di ordine generale sulle tempistiche amministrative dei processi autorizzativi urbanistici, soprattutto quando in gioco è la realizzazione di un’opera di indubbio valore pubblico, e destinata ad una popolazione di bambini particolarmente svantaggiata. Tuttavia, in ogni caso, il conseguimento del permesso a costruire il Nuovo Ospedale da una parte riflette l’enorme determinazione con la quale la nostra Fondazione ha perseguito negli anni tale obiettivo, dall’altra l’efficacia dell’azione dell’amministrazione comunale, in primis del suo Sindaco, a voler concludere il percorso nei tempi più brevi possibili, in modo da realizzare al più presto l’opera. Ringrazio dunque il Sindaco e l’Amministrazione per questo. Ora ci metteremo all’opera per dare corso ai primi passi realizzativi, augurando anzi essendo certo in questo di continuare ad avere il supporto del Comune e della Regione”.

Il nuovo ospedale dei bambini della Stella Maris si presenta come un ospedale intelligente (Smart Hospital), connesso, innovativo sotto il profilo tecnico ma anche sostenibile. Quattro piani fuori terra, 44 camere di degenza, altrettanti laboratori, una cinquantina di sale per l’osservazione terapeutica, oltre a circa 1.000 metri quadrati di superficie per laboratori e spazi per l’accoglienza e la formazione. Dal costo di 25 milioni (di cui 4 per l’acquisto del terreno), la struttura è pensata su misura dei bambini e dei ragazzi con gravi e rari disturbi neuropsichiatrici e neurologici e le loro famiglie. Il nuovo complesso è inserito in un’area verde di due ettari (con giardini sensoriali, orti didattici, frutteti, aree gioco), compresa a sua volta in un nuovo parco urbano di seimila metri quadrati complessivi. Un’architettura sanitaria improntata alla sostenibilità (comfort ambientale e risparmio energetico) e alla connessione tecnologica con il sistema sanitario regionale e nazionale.

Il progetto è stato realizzato dagli studi internazionali Heliopolis 21 (Alessandro e Gianluigi Melis, Nico Panizzi, Ilaria Fruzzetti, Filippo Mariani, Laura Luperi) e ARX srl (Paolo Di Nardo, Simone Chietti). Del team di progettazione fanno parte lo Studio di ingegneria Techné srl (Ing. Massimo Bottega), Ing. Andrea Carlesi, mentre le strutture sono curate dal Prof. Ing. Raffaello Bartelletti e dall’Ing. Marco Pascucci. Project Manager l’Ing. Ottavio Zirilli, Direttore Responsabile dell’Area della Ricerca del CNR di Pisa, ha coordinato la fase di progettazione e dirigerà i lavori di realizzazione del nuovo Ospedale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia amministrativa sanziona un club del litorale, contestando diverse violazioni. Il Comune diffida dall'attività di pubblico spettacolo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cultura