Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:38 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 07 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Crisanti sul vaccino ai bambini: «Sono favorevole, ho solo detto di aspettare qualche dato in più»

Cronaca domenica 29 giugno 2014 ore 12:05

"Puniti perché ci abbiamo messo la faccia"

Al Psi brucia l'assenza in giunta di Democratici Riformisti: "Di Maio, lo abbiamo votato tre volte, anche alle Primarie. Il nostro nome è Balatresi"



SAN GIULIANO TERME — "Noi, Di Maio, lo abbiamo votato per bene tre volte, anche alle Primarie". Però in giunta non c'è stato posto per Psi e Idv che, insieme, avevano dato vita alla lista Democratici Riformisti, una delle tre che ha sostenuto Di Maio alle amministrative.

"Continuiamo a sostenerlo - spiega il segretario provinciale Psi Carlo Sorrente -, ma qualche valutazione l'abbiamo fatta". Perché, come se l'aspettava (e l'ha ottenuta) Sel, anche la lista Democratici Riformisti avrebbe scommesso su una partecipazione in giunta. 

"Tanto che abbiamo fatto il nostro nome". E la scelta è ricaduta su Marco Balatresi che, con le sue 87 preferenze, è stato il più votato della sua lista. Solo che Balatresi era già stato in giunta, sostituendo, un anno e mezzo fa, un assessore Pd. "Quando il Comune ha rischiato il tracollo e c'è stato il rimpasto di giunta per ripianare i conti - spiega Sorrente - c'erano delle responsabilità da assumersi. Alcuni hanno detto 'lasciate che se la sbrighino da soli', mentre lui, giovane e laureato, insieme ad altri, ci ha messo la faccia quando c'era l'emergenza. Dobbiamo dedurre che sia stato questo a penalizzarci? Dobbiamo pensare che il nuovo modo di fare amministrazione sia quello di attendere che passino i cadaveri?"

Avrebbero potuto fare un altro nome, i Democratici Riformisti di San Giuliano Terme. "A parte che non c'era un accordo, prima del voto alle Primarie, che dicesse 'via a tutte le facce già viste'. Poi noi non ci stiamo a penalizzare un volto che ha messo il bene del Comune davanti al proprio, correndo il rischio di fallire dove già altri avevano fallito. Riuscendo, peraltro, nell'intento. Per quelle scelte, i Socialisti un prezzo alto lo hanno pagato, vedendo compagni come Cini uscire dal partito perché non condivise quella politica di sacrifici che la sistemazione del Bilancio, inevitabilmente chiedeva.

Ma, soprattutto, costituendo la lista avevamo detto che avrebbe vinto il merito: chi prende più preferenze viene premiato. Lo sapevano tutti. E con noi c'è stato anche chi sapeva di non ottenere una poltrona, perché non era quella la missione, ma era dare un futuro migliore a San Giuliano. Per lo stesso motivo continueremo a stare in maggioranza, a supportare le cose fatte bene, a dare suggerimenti per quelle fatte male". 

Lunedì 30 giugno alle 21 si riunisce per la prima volta il nuovo consiglio comunale di San Giuliano e in quell'occasione dovrà scegliere il presidente del consiglio. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il celebre cantautore romano e le sue canzoni accompagneranno la città della Torre verso il 2022. Concerto in piazza dei Cavalieri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità