Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Cronaca venerdì 07 febbraio 2014 ore 13:15

Rappresenta il 6% delle demenze degli over 65. Dell'idrocefalo normoteso si parla a Pisa

Riccardo Vannozzi, direttore Neurochirurgia Aoup e responsabile scientifico del congresso

Trattati 30 casi l'anno. L'incidenza è di circa 70 nuovi casi per anno in tutta la Toscana: la diagnosi è fondamentale



PISA — Rappresenta una percentuale variabile tra ’1 e 6% del totale delle demenze diagnosticate negli over 65.

L'idrocefalo normoteso è una patologia ancora largamente sconosciuta, tanto che i suoi sintomi (difficoltà nel camminare, deficit cognitivo, incontinenza) sono spesso confusi con quelli dell’'Alzheimer, del Parkinson o di altre forme di demenza senile. Per saperne di più, se ne parla l’'8 febbraio a Pisa, alle 8,45, all'’Ente Parco San Rossore.

La neurochirurgia offre ai pazienti affetti da idrocefalo normoteso prospettive di piena guarigione che, a fronte di una diagnosi tempestiva, sfiorano la totalità dei casi. E in tempi molto stretti: nella maggior parte dei pazienti, la dimissione dall’'ospedale avviene nell’'arco delle 24 o 48 ore successive all'’intervento.

A Pisa vengono trattati circa 30 casi l'anno. L'incidenza stimata della patologia è di circa 70 nuovi casi per anno in tutta la Toscana cui si aggiungerebbero tutti i pazienti già affetti dalla patologia ma non ancora diagnosticati per un bacino potenziale al momento non conosciuto.

Il percorso diagnostico è, infatti, il momento centrale: una diagnosi errata può significare per il paziente la condanna all’'accettazione di una terapia inadeguata e a una condizione di incurabilità. Viceversa, un percorso che dal medico di famiglia porti al neurologo e quindi al neurochirurgo, si traduce nella maggioranza dei casi in un esito positivo.

A differenza delle patologie con cui è spesso confuso, l'’idrocefalo normoteso è trattabile con un intervento neurochirurgico di durata mediamente inferiore ai 60 minuti. Grazie all’'impianto di una valvola semplicemente gestibile e regolabile, l’'eccesso di liquido nel cervello viene drenato e incanalato verso un'’altra parte del corpo, dove può essere assorbito dal flusso sanguigno.

I tre classici sintomi dell'’idrocefalo sono difficoltà nella deambulazione, deficit cognitivo e incontinenza. Dal punto di vista fisiologico, l'’idrocefalo normoteso è causato da un eccessivo accumulo di liquido nelle cavità o nei ventricoli del cervello. Tendenzialmente, colpisce persone sopra ai 60 anni di età.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità