Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:PISA11°18°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità venerdì 01 luglio 2016 ore 11:30

Studio pisano chiarisce fondamenti termodinamica

Lo hanno realizzato il fisico Michele Campisi e il professor Rosario Fazio, entrambi della Scuola Normale Superiore di Pisa



PISA — Esiste la possibilità di coniugare alta efficienza e alta potenza. Uno studio pisano realizzato da Campisi e Fazio e recentemente pubblicato su Nature Communications consultabile anche on line 

ecco il link dell'articolo

dimostra che uno dei fatti più noti della termodinamica e cioè che l'efficienza massima di una macchina si raggiunge paradossalmente quando è ferma ( perchè non consuma energia ) può essere messo in discussione.

Per capire meglio, spiega Campisi, "Una macchina termica è una macchina che prende il calore da una fonte calda, lo tramuta in parte in energia meccanica o elettrica, e cede il resto ad una fonte fredda. L'esempio più semplice è quello della comune automobile"

"Come ci insegna la macchina di Carnot concepita nel lontano 1824 - spiega sempre il giovane fisico ( Marie Curie Fellow presso la Scuola Normale Superiore di Pisa dove svolge attività di ricerca nel campo della fisica quantistica, grazie al Progetto ``NeQuFluX'' finanziato dalla Comunità Europea ) - per raggiungere l'efficienza massima, le macchine devono paradossalmente andare piano. Per capirlo, pensiamo sempre al motore a scoppio delle nostre autovetture. Più basso è il numero di giri, meno si consuma, però si va anche più piano".

"Nella nostra ricerca ci siamo chiesti se fosse possibile avvicinarsi all'efficienza massima senza dover rinunciare alla potenza erogata. E per farlo abbiamo pensato a una transizione di fase. Dove la composizione della materia - spiega ancora Campisi - cambia ma non viene disperso il calore. Anzi la capacità termica in fase di trasformazione cresce e il calore in eccesso può essere ceduto alla macchina stessa.

Lo scopo è ottenere macchine che abbiano contemporaneamente alta efficienza e alta potenza. Non è facile, ma una applicazione pratica in futuro potrebbe ad esempio essere quella legata ai pannelli solari e in generale allo sfruttamento del calore nei microchip."

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport