Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Salvini: «Se ho incontrato Cassese? Non so neppure dove abiti»

Attualità sabato 22 luglio 2017 ore 12:00

Spiagge, i diritti e i doveri dei bagnanti

Chilometri e chilometri di spiagge ma poche, veramente pochissime sono libere. Ma è giusto secondo la legge pagare per accedere alla spiaggia?



FIRENZE — In estate si cerca rifugio sulle spiagge per fare un bagno e rinfrescarsi dal solleone estivo. Un sospiro di sollievo per chi abita in città e cerca un po' di refrigerio. Ma in molti casi c'è chi non si può permettere di pagare un ombrellone in uno stabilimento balneare, o c'è chi preferisce magari la natura selvaggia, e quindi si va alla ricerca di spiagge libere. In Italia è difficile trovare spiagge non a pagamento, ma è giusto pagare per accedere alla battigia?

Come spiega l'Associazione Codici, la spiaggia secondo la legge italiana fa parte del demanio marittimo dello Stato e per questo motivo è un bene inalienabile, inespropriabile e destinato alla collettività. 

Naturalmente c'è la possibilità di avere le spiagge in concessione, ma esistono dei limiti: deve essere sempre libero l’accesso al mare e la battigia è per legge libera.

Quindi tutti possono passeggiare su quella striscia di sabbia di circa 5 metri che separa la spiaggia dal mare, ma ci si può anche sdraiare, sedere e sdraiarsi. Invece non si può occupare la battigia con ombrelloni, sedie o lettini. Questo non lo può fare nemmeno lo stabilimento balneare.

Gli stabilimenti balneari che impediscono l’accesso alla battigia o richiedono un pagamento, commettono un illecito.

Per quanto riguarda le spiagge libere ci sono anche dei divieti, libere sì ma non senza regole: non si può giocare a pallone o qualsiasi gioco che possa disturbare gli altri. Non è consentito l'accesso agli animali in spiaggia, e se consentito occorre tenerli al guinzaglio. Niente radio e musica e è severamente vietato abbandonare i rifiuti.

Queste regole vengono da Stato, Regione e Comune, ma è quest’ultimo a stabilire le regole di base.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allarme è scattato quando nel complesso militare di San Piero a Grado si è udito uno sparo. L'ipotesi più accreditata è il suicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Cronaca

Attualità