QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11°11° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 novembre 2019

Attualità mercoledì 21 gennaio 2015 ore 10:00

Tutto pronto per la RoboFesta

L'obiettivo dell'evento è quello di mettere in contatto il mondo della ricerca con quello della formazione superiore



PISA — La RoboFesta compie venti anni e propone nuove, emozionanti gare fra robot progettati e costruiti da studenti in rappresentanza di scuole provenienti da tutta Italia. 

Si rinnova così la collaborazione fra l’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e l’Ipsia Fascetti di Pisa che, per sabato 24 gennaio nella sede di via Rindi a Pisa, promuovono l’edizione 2015 dell’evento che mette in contatto il mondo della ricerca e quello della formazione superiore. Per il 2015 la novità è rappresentata dalle partecipazione di squadre formate soltanto da studentesse, una delle quali (in rappresentanza di una classe del Fascetti a indirizzo “ottico”) ha realizzato un robot in grado di correre seguendo un raggio di luce. 

La robotica è diventata una disciplina seguitissima anche nelle scuole medie superiori e, in questo contesto, gli allievi hanno ideato e realizzato automi in grado di sfidarsi a sumo (imitando alla perfezione i corpulenti guerrieri orientali), di far mangiare la polvere su un tracciato di formula uno, reso ancora più difficile dall’essere particolarmente tortuoso e da percorrere – senza “fuoristrada” – nel minor tempo possibile. In queste discipline si sfideranno alla Robofesta di Pisa studenti provenienti da Firenze, Livorno, Roma, Sassari, Siena, Marsala (Trapani) e dalla stessa Pisa.

Alla RoboFesta il contatto con il mondo della ricerca e con l’Istituto di Biorobotica è assicurato dal ricercatore Nicola Vitiello, a cui è affidato l’intervento principale sulle principali sfide della robotica indossabile e sull'esperienza maturata dall'Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna negli ultimi anni, nella progettazione di robot indossabili per l'assistenza e per la riabilitazione motoria. Nel mondo della “robotica di servizio” i robot indossabili sono considerati una soluzione alla necessità di rendere sostenibile il sistema di welfare, minacciato dalle problematiche che derivano dall'invecchiamento della popolazione e dalla riduzione di risorse economiche. Nel suo intervento, il ricercatore Nicola Vitiello illustrerà alcune attività di ricerca dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna nello sviluppo di “ortesi” (tutori) attive per la riabilitazione o per l’assistenza di mano, di arto superiore e di arti inferiori.

A margine della Robofesta, è previsto il contributo dell’Associazione radioamatori italiani (sezione di Pisa) che allestirà una stazione trasmittente per collegamenti in tutto il mondo e per effettuare trasmissioni in codice morse riproponendo l’uso affascinate del telegrafo. Sono previste dimostrazioni di open hardware e di funzionalità di stampanti tridimensionali. Presenti anche auto d’apoca, droni e la riproduzione di un modello acrobatico dell’aereo Aermacchi MB-339, che tanto successo ha ottenuto con le Frecce Tricolori.



Tag

Manovra, Salvini: «Totale instabilità, pesa più delle tasse»

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità