Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima di Valentino Rossi, si commuove per la festa e lancia il casco ai suoi tifosi

Attualità lunedì 11 maggio 2015 ore 07:00

Un centro per far crescere imprese più dinamiche

Fornirà servizi alle imprese toscane e non solo. Il governatore Rossi ha annunciato che scriverà alle 3.500 aziende più competitive



PISA — "Un vantaggio competitivo assoluto e straordinario". Nasce con un giudizio di eccellenza il Centro di competenze sulle nanotecnologie voluto dalla Scuola Normale Superiore di Pisa e dalla Regione Toscana. A tenerlo a battesimo c'erano il direttore della Scuola e il presidente della Regione.

Aperto al Nest (National enterprise nano sciences and nano technologies) di piazza San Silvestro, il Centro fornirà servizi alle imprese toscane e non solo. Il governatore ha annunciato che scriverà alle 3.500 aziende più competitive e dinamiche, ma anche alle multinazionali operanti in Toscana, per far loro presente che, da oggi, hanno a disposizione una struttura che permette di fare start up.

Specializzato nell'infinitamente piccolo (nano significa un miliardesimo di un metro, siamo cioè a livello molecolare o addirittura atomico), il Centro offre dalla certificazione dei nanomateriali a strumenti di misura e caratterizzazione morfologica elettrica e magnetica. Il personale è in grado di progettare e realizzare nanofabbricati, fornire consulenze e formazione all'uso della particolare strumentazione necessaria a lavorare e realizzare nell'infinitamente piccolo. Siamo insomma di fronte a una opportunità in più per tutti coloro che puntano sull'innovazione tecnologica.

La Regione ha finanziato due anni fa, con un milione di euro, l'implementazione del Centro attraverso un bando per la ricerca e il trasferimento tecnologico: il Nest, per bocca del suo direttore, ha risposto a una precisa sollecitazione da parte del governatore confermando l'intenzione di partecipare al bando per l'assegnazione dei nuovi fondi europei destinati a ricerca e sviluppo da poco pubblicato dalla Regione Toscana.

Partendo nel 2008 da cifre modeste, oggi il business delle nanotecnologie fattura nel mondo oltre 3 trilioni di dollari. All'inizio il settore che utilizzava nanotecnologie era quasi esclusivamente quello chimico mentre oggi si è esteso al farmacologico, alla salute, al cibo, come pure alla difesa, all'aeronautica.

Nel saluto finale il governatore ha detto di apprezzare l'impegno che ha verso i territori la Normale, vera eccellenza toscana e l'unica università italiana che figura tra le prime cento del mondo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca