Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:08 METEO:PISA22°34°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Renzi/Calenda, il matrimonio di convivenza: chi porta in dote cose (e chi rischia l'osso del collo)

Spettacoli venerdì 14 febbraio 2014 ore 10:00

Una conversazione, ma a due voci: D’Annunzio e Mascagni

Appuntamento con Opera e Dintorni. Parlano la letterata Pisani Paganelli e il musicologo Orselli



PISA — Il musicista e il poeta, due voci per una conversazione. Venerdì 14 febbraio, per il ciclo Opera e Dintorni, parlano Gabriele D’Annunzio e Pietro Mascagni.

Ben due ricorrenze legano due grandi protagonisti della cultura italiana vissuti a cavallo fra ‘800 e ‘900: nel 2013 cadevano il centocinquantenario della nascita di entrambi (l’uno nasceva il 12 marzo 1863 a Pescara, l’altro il 7 dicembre dello stesso anno a Livorno) e il centenario della prima di Parisina, l’opera che, composta da Mascagni su versi di D’Annunzio, debuttò il 15 dicembre 1913 al Teatro alla Scala di Milano.

A questa duplice ricorrenza guarda quindi il prossimo appuntamento di Opera e Dintorni, il ciclo di incontri collaterali alla Stagione Lirica 2013/14.

Venerdì 14 febbraio alle 18, in Sala Titta Ruffo, dei rapporti tra il Vate e il grande compositore verista parleranno la letterata Paola Pisani Paganelli e il musicologo Cesare Orselli, grande esperto del verismo musicale e in particolare proprio di Mascagni.

L’iniziativa, che è organizzata in collaborazione con l’Associazione Dannunziana e l’Associazione Pisana Amici della Lirica Titta Ruffo, vuole ripercorre i punti salienti del sodalizio artristico tra i due artisti, connotato da musica, poesia e passione.

Dopo che Puccini, lanciato alla successione di Verdi, aveva escluso il D’Annunzio come librettista, fu, invece, Mascagni a iniziare una convinta collaborazione con lui. Non fu insolita la convergenza tra il letterato e il musicista entrambi famosi. Appassionato melomane, a D’Annunzio piacque subito l’idea di scrivere versi per la musica, sfumando così in suggestioni melodiche la parola prosastica e poetica. Da parte sua Mascagni, autore in carriera, cercava, dopo il clamoroso verismo di Cavalleria rusticana, linguaggi originali e potenti, sperimentando vie nuove. Lo folgorò D’Annunzio, che plasmava nel suo teatro individualità eccezionali intrise di Decadentismo estetizzante e trasgressivo.

La conversazione a due voci ricostruisce le personalità dei due protagonisti, la genesi di Parisina (“Fiore di passione e di poesia”, secondo lo stesso Mascagni), ne storicizza peculiarità e implicazioni culturali.

Nell’occasione Cesare Orselli presenterà anche due cd mascagnani: Mascagni in Concert, registrato dalla Filarmonica ’900 del Teatro Regio di Torino diretta da Gianandrea Noseda (ed. Chandos Records), cd che raccoglie inediti sinfonici mascagnani, e l'integrale pianistica Pietro Mascagni. Piano works for 2 and 4 hands (complete), pianisti Marco Sollini e Salvatore Barbatano (ed. Music Media).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 9 Agosto, riportati oltre 15mila tamponi effettuati in Toscana. Aumento dei nuovi contagiati in Provincia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Spettacoli

Attualità