Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo 2022, chi sono i 22 partecipanti: l'annuncio di Amadeus

Interviste domenica 10 agosto 2014 ore 15:30

Dainelli, fino all'Olimpico col cuore in Valdera

Il calciatore originario di Peccioli e arrivato alla serie A racconta l'impegno, i sacrifici e le gioie di uno dei mestieri più ambiti del mondo



PECCIOLI — Per Pasolini è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo, per Arrigo Sacchi l’unica cosa di cui ha parlato e continuerà a parlare, per Zeman è lo sport più popolare non grazie agli sponsor, ma al fatto che in ogni angolo del mondo c’è qualche bambino che si diverte con un pallone tra i piedi. Il calcio era ed è tutto questo e uno di quei bambini, tanti anni fa, era anche Dario Dainelli che dalle partitelle nei campini sfatti della Valdera è arrivato a giocare negli stadi più prestigiosi del calcio di serie A. Originario di Ghizzano, cresciuto nelle giovanili della Pecciolese Alta Valdera per poi passare in quelle dell’Empoli, a 19 anni è approdato a Modena, a 20 nel Fidelis Andria e a 22 ha esordito nel campionato di massima serie con il Lecce. Attuale difensore centrale del Chievo Verona, il calciatore pecciolese ha vestito le maglie dei club più storici d’Italia: Brescia negli ultimi anni di Baggio, Hellas Verona, Genoa e Fiorentina dove è stato il capitano per quattro stagioni. Una carriera calcistica lunga, per ora, tredici anni, che ha portato un ragazzino di provincia a toccare la Nazionale, restando sempre attaccato alla sua Toscana e realizzando il sogno di tanti di quei bambini negli angoli del mondo.

Partito da Peccioli, cresciuto e lanciato dall’Empoli, per giungere in alcuni dei club più prestigiosi d’Italia, toccando persino la Nazionale. Quanto è contato l’impegno e quanto la fortuna per arrivare dove sei?

“La fortuna è una componente, ma si parte sicuramente dalla predisposizione e dalle basi fisiche. Da bambini sono questi gli aspetti che si mettono più in evidenza, poi si cresce, arrivano le prime selezioni e le doti fisiche si assottigliano, il livello dei giocatori si alza, conta meno la prestanza fisica e più la volontà, il voler emergere, le motivazioni.
La fortuna nel calcio, a parte nei casi di infortuni vari che ti condizionano la vita, è molto relativa. Magari può influire sulla carriera: per fortuna, ad esempio, puoi arrivare in una squadra in un anno di successo piuttosto che in un anno poco felice, puoi trovarti meglio o peggio con lo staff, lo spogliatoio o la dirigenza. Ma non è possibile che, per sfortuna, si giochi in serie C e non in A”.

C’è stato, durante la tua carriera, un momento o un periodo in cui hai realizzato che potevi davvero diventare un calciatore professionista?

“In realtà non c’ho mai riflettuto. Tutto si è realizzato salendo piccoli gradini, progressivamente. Nei settori giovanili, giochi e sei contento, ti basta questo. In Primavera o negli Allievi, cominci a fare le partitelle contro la Prima Squadra, ti misuri con i professionisti e quando magari ti accorgi di poter competere con loro e ricevere considerazione da parte dei giocatori più esperti e del mister, lì sì, ti senti più forte”.

Nell’immaginario di molti, se non di tutti, la vita del calciatore è quella coronata solo di successi, notorietà e tanti soldi. È davvero tutto oro quel che riluce? Quali sono i risvolti negativi che sfuggono ai più?

“Non bisogna essere ipocriti. Già il fatto che un gioco che ti piace, quale in fondo è e dovrebbe essere il calcio, diventa il tuo lavoro, è un’immensa gratifica. Per questo noi calciatori siamo dei privilegiati. Il calcio a grandi livelli è capace di regale sensazioni forti che pochi altri mestieri ti danno. È anche vero però che sei continuamente sotto gli occhi di tutti, ogni domenica è un esame, durante il quale però non vieni giudicato solo da persone competenti in materia – “professori del calcio”, se vogliamo proseguire nella metafora scolastica – ma anche da tante persone che sono semplicemente appassionate, tifosi. E questo genera una situazione di pressione che, se fai bene esalta al massimo le sensazioni positive, ma se fai male ti fa sentire tutto il peso del giudizio degli altri e cadere quasi in depressione. Il calcio, per chi lo gioca, è appassionante per questo: è capace di far provare emozioni contrarie in lassi di tempo brevissimi, è quello che nello spogliatoio prima di una gara importante ti fa dire “magari non ci fosse lo stress della partita”, ma è anche quello che dopo il successo ti fa urlare “ma che bello è”.

Uno dei più bei momenti o ricordi che il calcio professionistico ti ha regalato fino ad ora?

“Sono davvero tanti, non riesco a focalizzarne solo uno. Ovviamente penso ai momenti belli, quelli che hanno portato a un qualche successo. Un momento che non dimenticherò mai è di sicuro l’esordio in serie A con il Lecce, all’Olimpico contro la Roma del 2000-2001 che vinse lo scudetto, marcando Montella che in quella partita non segnò. Ma penso anche a Firenze e alla partita di Champions League con il Liverpool vinta due a zero, che ci permise di passare primi nel girone contro una squadra che fino a quel momento, per me e per tanti, era solo un mostro sacro visto tante volte in tv”.

Per il pallone hai girato un po’ tutta l’Italia, da Modena ad Andria, da Lecce a Brescia, fino a Firenze, Genova e Verona. Sei riuscito a mantenere un po’ di “toscanità”?

“Il bello di essere toscani è che, dove vai vai, piaci a tutti! Quindi viene anche naturale mantenere invariato il modo di parlare, le abitudini, il legame con le mie zone. Nonostante abbia girato molte regioni da nord a sud, riesco ancora a dire “mi garba”, forse anche perché ho giocato in Toscana fino a 18 anni e poi ho avuto la fortuna di tornarci più tardi stando a Firenze per ben cinque stagioni e mezzo”.

Pontedera e Pisa l’ultimo anno calcistico hanno sognato la serie B, l’Empoli è tornato in A, il Livorno è retrocesso e la Fiorentina ti voleva a gennaio. Pensi di tornare a giocare a calcio in una squadra toscana o chiuderai la carriera a Verona?

“Ovvio che tornare a casa è un desiderio che sento, anche perché in Toscana ho la famiglia e gli amici. Al Chievo mi sono trovato molto bene e sarei fiero di chiudere lì la carriera. Se però il mio ultimo anno da calciatore sarà in una squadra toscana tanto meglio, altrimenti spero di poter tornare a casa per poter svolgere un lavoro sempre legato al mondo del calcio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca