Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ibraimovich intervistato da Aldo Cazzullo: «Sì, ho paura di smettere di giocare. Chi vincerà lo scudetto?»

Cronaca domenica 22 dicembre 2019 ore 15:00

Arno in piena, argini osservati speciali

L'Arno in piena a Santa Croce

Si valuta l'apertura parziale dello Scolmatore per alleggerire la portata dell'Arno. La piena in transito nel pomeriggio dall'area fiorentina



PONTEDERA — Il colmo di piena del fiume Arno è in transito nel tratto fiorentino, in contenuto aumento, con una portata stimata di 1100-1200 metricubi al secondo.

La situazione dell'Arno preoccupa però a valle, non tanto per i livelli che potrà raggiungere ma per la tenuta delle sponde, provate dalla piena del 17 novembre e dalle recenti piogge. A valle di Fucecchio la piena dell'Arno potrebbe transitare con una portata di 1800-1900 metri cubi al secondo - a novembre superò ampiamente i 2000 mc/s - mettendo a dura prova gli argini.

Mentre scriviamo - sono le 13,30 - il colmo di piena sta transitando da Empoli con un livello di poco superiore al primo di guardia e con una portata di 1550 mc/s. Non sta piovendo da diverse ore ma più a valle l'Arno è costantemente rifornito dai suoi affluenti in piena, come l'Elsa e l'Era.

"Siamo in contatto costante con la Protezione civile di Pisa - ha riferito la sindaca di Santa Croce, Giulia Deidda -, che oltre ad aver emesso una allerta gialla ci comunica, stamattina, che il genio civile Valdarno inferiore ha attivato il servizio Piena - Fiume Arno".

Anche a Pontedera (nella foto sopra) l'Arno ha superato il primo livello di guardia, fissato a 5 metri, toccando quota 5,74 metri con una portata di 1730 mc/s. Il secondo livello di allerta è fissato a 6,5 metri e forse sarà soltanto sfiorato ma, come detto, a impensierire è soprattutto la tenuta degli argini. Per questo, ha riferito l'assessore Mattia Belli, sta valutando l'apertura parziale delle cateratte dello Scolmatore attorno alle 14,30, così da ridurre la pressione delle acque.

Nella foto sotto la situazione dell'Arno al ponte fra Caprona e Zambra.

A Pisa la situazione è simile a quella di Pontedera: l'Arno si sta avvicinando al secondo livello di guardia "senza però destare alcuna preoccupazione - hanno fatto sapere dal Comune -, visto che le piogge sono previste in diminuzione". Permangono comunque i panconcelli montati sulle spellette dell'Arno un mese fa, come misura precauzionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagiati risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera, comprensorio del Cuoio e alta Valdicecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

CORONAVIRUS

Attualità