Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:10 METEO:PISA14°24°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità lunedì 15 gennaio 2024 ore 16:23

​"Tari troppo alta" Confcommercio scrive ai Comuni

Dall'associazione di categoria un appello a 9 Comuni della provincia: "Ogni possibile sforzo per contenere e ridurre gli oneri a carico delle imprese"



PROVINCIA DI PISA — Dati alla mano, Confcommercio scrive ai sindaci di 9 Comuni della provincia di Pisa per chiedere alle rispettive amministrazioni "Ogni possibile sforzo per contenere e ridurre gli oneri della Tari a carico di imprese, attività commerciali e pubblici esercizi”.

Proprio sulla tassa sui rifiuti, l’associazione di categoria ha condotto uno studio, i cui risultati sono stati resi noti nei giorni scorsi, su un campione di nove comuni, gli stessi ai quali si rivolge l’appello del direttore Federico Pieragnoli: Pisa, Cascina, Pontedera, Ponsacco, San Giuliano Terme, San Miniato, Santa Croce, Castelfranco di Sotto e Volterra.

“Abbiamo inviato una lettera ai sindaci dei nove comuni rappresentativi delle loro aree di riferimento e presi a campione del nostro studio, chiedendo un tempestivo intervento nell'ottica di contenere i costi di servizio e garantire una più equa ripartizione delle tariffe - spiega il direttore- Servono necessariamente modifiche già a partire dal 2024 e interventi strutturali in previsione dei prossimi bilanci che tengano conto delle specificità delle imprese del commercio, del turismo e dei servizi. La Tari continua purtroppo a rappresentare un peso insostenibile per le imprese del territorio pisano e salvo rare eccezioni i numeri ci dicono che nell'ultimo anno l'imposta è ulteriormente aumentata”.

“Per questo motivo - prosegue Pieragnoli - è fondamentale che ogni comune metta in campo agevolazioni, esenzioni e soprattutto condizioni più eque in base alla tipologia di attività, partendo proprio dalle categorie più colpite, come ristoranti, pizzerie, bar, caffè, pasticcerie, pescherie, ortofrutta e fiorai, e dai comuni dove si sono registrati i rincari più preoccupanti, come quello di Cascina, che ha visto un aumento medio del 15% rispetto al 2022”.

“In un contesto generale di aumenti - conclude Pieragnoli -è inaccettabile ad esempio che un ristorante di 150 metri quadrati a Cascina per la Tari debba sborsare 6.039 euro all'anno, mentre la stessa attività ne paga 4.134 a Pisa, 3.610 a Pontedera e 2.616 a Volterra. Chiediamo all'amministrazione comunale di intervenire con la massima urgenza per adeguare le tariffe e cancellare una disomogeneità francamente inaccettabile rispetto ai comuni vicini. Confcommercio ovviamente è a disposizione per collaborare e individuare misure e soluzioni che tengano conto delle necessità delle imprese”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Pisamo ha provveduto alle operazioni di smantellamento e ripristino dello slargo di piazza Solferino: il manufatto era abbandonato da anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità