Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Diana, l'arbitro vittima di revenge porn: «Sui social i miei video privati, è un porcile, aiutatemi»

Cronaca lunedì 24 agosto 2015 ore 14:55

Strade allagate e maltempo, infuriano le polemiche

Problemi nella zona artigianale di Lugnano e a Uliveto Terme. E Marrica Giobbi consigliere comunale del gruppo "Per i Cittadini" attacca il Comune



VICOPISANO — Disagi per il maltempo un po' in tutto il territorio comunale. Strade allagate anche nella zona artigianale di Lugnano, con un super lavoro di vigili del fuoco e protezione civile.

E già infuriano le polemiche.

Marrica Giobbi consigliere comunale del gruppo "Per i Cittadini" spara a zero sulla giunta Taglioli.

"Siamo alle solite: al primo acquazzone estivo i problemi degli allagamenti si trascinano insoluti perché o le caditoie non sono state pulite, o le griglie sono intasate, o non c’è pendenza, non vogliono capire che l’acqua piovana non va in salita, o le fognature sono sottodimensionate - sottolinea l'esponente dell'opposizione -. Una situazione favorita da uno sviluppo urbanistico insensato e da una trascuratezza dell’amministrazione che tutte le volte si ritiene vittima di eventi eccezionali".

A Uliveto Terme - aggiunge Giobbi - è "dalle 4 del mattino che in via XX settembre, a Corte dei Vanni e in altre zone, la gente cerca di far defluire l’acqua piovane che è penetrata nelle abitazioni. Via del Tinto si è trasformata in un fiume in piena, lo stesso in via don Milani che ha riversato l’acqua piovana nel solito punto ben noto al sindaco e agli uffici".

"Un Comune efficiente, che ha a cuore gli interessi dei cittadini, deve puntare tutto a risolvere queste situazioni prima di pensare ad accogliere immigrati sul proprio territorio o prima di impegnarsi a sostenere con altri 15.250 euro l’associazione Urbino Taccola per la realizzazione di un locale di primo soccorso come stabilito con delibera di giunta 74/2015 - continua Marrica Giobbi - per non parlare dei 10mila che riscuote come contributo tutti gli anni. Un Comune che si lamenta sempre di non avere soldi deve decidere quali sono le priorità e soccorrere non le associazioni di riferimento, ma i cittadini che da anni sono in difficoltà".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Sport

Cronaca