Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:PISA15°23°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Fedez e Garance Authié a Montecarlo, la nuova coppia non si nasconde più

Attualità venerdì 26 maggio 2017 ore 15:30

Una mozione per il testamento biologico

​Il Comune ha approvato in Consiglio una richiesta per sollecitare il Parlamento ad approvare una buona legge in materia



VICOPISANO — La mozione, che è stata inviata al presidente della Repubblica, ai presidenti di Camera e Senato, alla ministra Beatrice Lorenzin e alla relatrice del testo unificato del Ddl in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento, Donata Lenzi, auspica che venga approvata una legge che "nell’ambito della disciplina del consenso libero e informato possa regolamentare il diritto di ogni cittadino di manifestare 'ora per allora', la propria volontà circa i trattamenti sanitari cui essere o meno sottoposto (comprese la nutrizione e l’idratazione artificiali e la sedazione continua profonda). Serve una norma che metta al centro la volontà del paziente e il pieno riconoscimento del suo diritto all’autodeterminazione terapeutica".

Al contempo sulla piattaforma web Diritti a Vico è stata pubblicata la versione integrale del video della serata del 17 maggio al Teatro di via Verdi di Vicopisano che ha avuto come ospiti Beppino Englaro e il professor Sergio Bartolommei, aperta dal Vicesindaco Matteo Ferrucci, moderata dalla responsabile della Consulta di Bioetica Onlus sezione di Pisa, Seila Bernacchi (con intermezzi recitativi di Paolo Giommarelli) e che ha avuto al centro i temi dell'autodeterminazione e del testamento biologico. 

L’iniziativa, intitolata La libertà e la vita (organizzata dalla Consulta di Bioetica Onlus e dal Consiglio Pari Opportunità, con il patrocinio del Comune di Vicopisano), è stata straordinariamente partecipata. L’interesse suscitato dai temi proposti ha confermato la necessità di promuovere iniziative condivise di incontro, confronto e dibattito pubblico su tematiche che riguardano tutti, in prima persona. 

La piattaforma Diritti a Vico, nata contestualmente all’organizzazione dell’iniziativa sul testamento biologico, si propone di mettere in rete associazioni e realtà (tra queste l'Amministrazione Comunale) che condividano il fine comune di promuovere una cultura dei diritti attraverso iniziative di sensibilizzazione e formazione su questioni bioetiche (e non solo).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I Nas riscontrano pessime condizioni igienico sanitarie in un ristorante: è scattata immediatamente la chiusura del locale da parte dell'Ausl
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Politica