QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°30° 
Domani 19°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 29 luglio 2016

LA BIBLIOTECA DI BABELE — il Blog di Francesco Feola

Francesco Feola

Francesco Feola, cilentano di Ascea, da anni è emigrato a Pisa (per studio, per amore, raramente per soldi), dove si è laureato in Lingua e Letteratura Italiana, e dove ora è Dottorando di Ricerca in Studi Italianistici. Legge tanto e talvolta scrive qualcosa che lo soddisfa, strimpella una vecchia chitarra classica e come mentore di Pisa CoderDojo cerca di insegnare ai bambini a programmare.

​Immortalità

di Francesco Feola - sabato 20 febbraio 2016 ore 19:25

La notizia della morte di Umberto Eco, appresa da un post di Facebook mentre stavo andando a letto, mi ha colpito come raramente mi colpiscono simili notizie.

Mi ha colpito terribilmente perché ho pensato che oltre a un grande semiologo, scrittore e filosofo, se n’era andato un grandissimo intellettuale, come ce n’è sempre più bisogno, e come sempre meno se ne incontrano…

E subito dopo, d’istinto, mi ha colpito un altro pensiero, un rimpianto, come una colpa, mi assalito in maniera del tutto inaspettata, ed io stesso mi sono sorpreso a pensarlo: non l’ho mai incontrato di persona, e ora non potrò mai più incontrarlo.

Eppure l’ho incontrato spesso, attraverso i suoi libri, i suoi interventi pubblici, le sue interviste, e soprattutto attraverso una sua frase, che non so nemmeno dove, come e quando abbia pronunciato, ma che è stata resa celebre anche e soprattutto grazie al web.

Questa frase diventerà ora, certamente, il suo testamento spirituale più alto e profondo (anche se forse già lo era…)

E sarà soprattutto attraverso questa frase, leggendo i suoi libri, e leggendo più forte in generale, che continuerò a incontrarlo, magari in quella stessa “immortalità all’indietro” che ci promette la lettura. Perché

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria!

Chi legge avrà vissuto 5000 anni:

c’era quando Caino uccise Abele,

quando Renzo sposò Lucia,

quando Leopardi ammirava l’infinito…

Perché la lettura è un’immortalità all’indietro.”

Attraverso la sua vita e la sua opera, ci ha lasciato anche questa preziosa eredità: la consapevolezza che tutti noi possiamo guadagnarci un pezzetto di immortalità leggendo, il che significa entrare in intimo contatto con migliaia di altre vite, o meglio con la vita dell’umanità intera…

Addio a Umberto Eco, alle migliaia di vite che ha vissuto, e a quelle che ci ha già fatto vivere.

Leggi anche Francesco Feola – Blog Letterario

 

Francesco Feola

Articoli dal Blog “La biblioteca di Babele” di Francesco Feola

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità