Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Lavoro giovedì 06 febbraio 2014 ore 14:25

A lei serve una mano, a loro una casa. Via all'Abitare solidale

Il progetto è partito a febbraio ma è operativo dallo scorso novembre



CASCINA — Lei ha una casa che deve curare. Loro sono una famiglia che ha forza e disponibilità, ma ha bisogno di una casa. È così che hanno messo insieme esigenze e possibilità e un’anziana signora e una famiglia in emergenza abitativa hanno cominciato a coabitare, a Cascina, grazie al progetto Abitare solidale.

Il progetto è promosso dal Comune di Cascina in collaborazione con la cooperativa sociale Agape e l'associazione Auser di Firenze, con il supporto di Auser volontariato Cascina, Misericordie di Latignano e di Navacchio, San Vincenzo Dè Paoli Onlus (conferenze di San Giorgio, di San Prospero e di San Frediano a Settimo), Caritas parrocchiale Cascina, Pubblica assistenza Cascina, Sezione soci Coop Cascina. Propone forme di coabitazione nello stesso alloggio per condividere spese di mantenimento della casa, pagamento delle bollette e migliorare la propria qualità di vita riscoprendo la solidarietà della relazione sociale. Già attivo nel territorio di Firenze, dove in due anni sono state avviate 60 coabitazioni, Abitare solidale è sbarcato a Cascina nel febbraio del 2013 e ha cominciato a operare dal novembre scorso.

"Abbiamo già delle richieste di persone, soprattutto di anziani, che si dichiarano disponibili ad accogliere altre persone a vivere con loro – dice Fernando Mellea, assessore al welfare di Cascina- ma fino a pochi giorni fa nessuna coabitazione era partita. Adesso siamo ovviamente contenti di questo primo successo. I due nuclei familiari hanno firmato il 'patto abitativo', con il quale hanno deciso di convivere per circa un mese e poi decidere se continuare la coabitazione con un vero e proprio contratto. Il nostro auspicio è che la coabitazione continui e speriamo di poter replicare a breve con un’altra coabitazione. Il fatto è che a Cascina molti cittadini non sono in grado di affrontare da soli il problema casa. A essere in difficoltà sono persone sole, nuclei familiari monogenitoriali, giovani coppie, lavoratori precari, anziani soli. A questi bisogni occorre rispondere in maniera diversificata, affiancando alle tradizionali politiche abitative altre forme di intervento congiunto delle istituzioni pubbliche e soggetti no profit. La materia abitativa non è più gestibile esclusivamente con l'attuale patrimonio di edilizia residenziale pubblica o con i contributi all'affitto. Ecco perché il Comune di Cascina vuol sviluppare interventi di contrasto al disagio abitativo fondati sui principi del social housing e del co-housing, finalizzati ad integrare le politiche di sostegno del diritto alla casa con azioni di coesione e protezione sociale".

Il cosiddetto "patto abitativo" vincola i coabitanti al vicendevole rispetto delle esigenze di vita e a un mutuo scambio di servizi ed aiuto e sancisce l'avvio della coabitazione. Dopo un periodo di prova di circa 30 giorni, la coabitazione viene ufficializzata con la sottoscrizione di un apposito contratto di comodato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca