Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:45 METEO:PISA17°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Cronaca lunedì 08 settembre 2014 ore 14:15

Blitz dei carabinieri all'alba, 6 arresti

La banda è accusata di furto a concerie e istituti di credito. Uno dei malviventi sfugge alla cattura ed è ricercato. Operazione in Toscana e Campania



PISA — Sei persone, tutte con precedenti penali, sono state tratte in arresto nelle prime ore della mattina con l'accusa di furto ai danni di concerie e istituti di credito e di estorsione ai danni di un imprenditore toscano. 

Una settima persona coinvolta nella vicenda, è riuscita a sfuggire alla cattura ed è al momento ricercata.

L’indagine, condotta dalla stazione dei Carabinieri di Santa Croce sull’Arno, col coordinamento del comando provinciale, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare per P.D., 58 anni, arrestato ad Altopascio, R.I. (44) arrestato a Cerreto Guidi, S.C. (49) arrestato a Monsummano Terme, L.L. (30) arrestato a Cerreto Guidi, G.C. (39) arrestato a Napoli e D.V. (48) arrestato a Castelfranco di Sotto.

Le indagini, iniziate nel mese di maggio a seguito di quattro furti effettuati a danno di sportelli automatici di diverse banche di Santa Croce sull’Arno e Santa Maria a Monte, hanno portato all’identificazione di alcuni soggetti, responsabili tra le altre cose di furto di pellame ai danni di alcune concerie nei comuni di Santa Croce sull’Arno e Fucecchio.

La merce rubata, per un valore che supera i 500mila euro, è stata recuperata dai Carabinieri prima che potesse essere contraffatta e trasferita in altre località.

Durante le attività di indagine, inoltre, i carabinieri hanno ricostruito un episodio di estorsione ai danni di un piccolo imprenditore del settore conciario, che inizialmente sembra facesse parte della banda ma in seguito allontanato, minacciato di morte e costretto a versare agli altri componenti 30mila euro come risarcimento per la mancata contraffazione delle pelli rubate.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Protagonista dell'episodio una donna, che sarebbe passata alle vie di fatto per protestare sulla pratica che aveva affidato all'ufficio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lina Pistolesi Ved.Guidotti

Mercoledì 12 Maggio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica