Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:20 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Cronaca martedì 07 ottobre 2014 ore 12:10

​Botte alla fidanzata, in manette uomo di 37 anni

Picchia la donna sotto la sua abitazione. Fermato da un condomino che poi ha allertato i carabinieri



PISA — Pugni e botte al viso e alla testa sotto casa. È successo lunedì notte, in via Pesenti a Pisa, dove un uomo di 37 anni di origini polacche è stato arrestato per aver picchiato la fidanzata dopo averla riaccompagnata alla sua abitazione.

La lite, iniziata nell’auto dell’uomo, è degenerata in violenza, tanto da essere notata anche da un condomino che stava rincasando. Il 37enne tratteneva con forza la fidanzata che poi è riuscita a liberarsi e a scendere dalla macchina per correre a chiedere aiuto al passante, il quale vedendola arrivare sconvolta e con ferite sanguinanti a testa, volto e un occhio tumefatto, prima l’ha fatta entrare nel condominio chiudendo la porta in faccia al fidanzato che continuava a minacciarla e poi ha allertato i carabinieri.

Sul posto è subito intervenuta una pattuglia del pronto intervento che, ricostruita la vicenda, ha chiamato il 118. La donna è stata quindi trasportata in ospedale, dove i medici l’hanno ricoverata in osservazione per il forte trauma cranico subito.

L’aggressore, che ha continuato a minacciare la donna anche mentre questa saliva sull’ambulanza,

è stato portato in caserma dove dai controlli dei carabinieri è risultato essere in possesso di un falso documento d’identità e già espulso dal territorio italiano con accompagnamento alla frontiera e con il divieto di farvi rientro prima di 10 anni.

L’uomo è stato quindi arrestato con le accuse di maltrattamenti, lesioni personali, false attestazioni sulla propria identità, uso di atto falso e ingresso illegale in Italia. Avvisato il Pubblico Ministero di turno, ne è stato disposto l’accompagnamento in carcere. La donna invece, dimessa solo nel pomeriggio, è stata accompagnata in una località protetta.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna, per impedire che la madre si vaccinasse, avrebbe minacciato una giovane dottoressa. Il suo racconto attraverso la Fimmg di Pisa
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità