Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:PISA20°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»

Attualità giovedì 16 dicembre 2021 ore 15:05

"I distretti socio-sanitari non saranno toccati"

Morotti, Ghilli e Di Maio ieri sera a Calci

Chiarimento da parte della Ausl Tno in un incontro con la Sds: "Le Case della comunità andranno solo a rafforzare la sanità territoriale"



CALCI — “Nessuno dei distretti socio-sanitari esistenti sarà toccato: rimarranno tutti, continuando ad erogare i consueti servizi. Anzi, se possibile, cercheremo di migliorarli”. Ad assicurarlo è stato Gabriele Morotti, direttore amministrativo dell'Azienda Usl Toscana nord ovest, intervenuto martedì sera a Calci in un incontro promosso dalla Società della Salute zona Pisana.

Dunque le future Case della Comunità, i nuovi hub destinati a diventare la prima porta d’accesso ai servizi sanitari del territorio e la più vicina ai cittadini nella riforma varata dal Governo e che sarà finanziata con i fondi del Pnrr, non avranno nessuna conseguenza sulla distribuzione dei presidi della sanità territoriale.

All’incontro pubblico, che si è svolto nel cinemateatro “Valgraziosa” di Calci di fronte a una nutrita platea, era presente anche Sabina Ghilli, direttrice della Sds pisana, in compagnia dell'attuale presidente, Sergio Di Maio. Numerosi anche gli amministratori presenti all’iniziativa, dal Presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori al sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti passando per i componenti dell’assemblea dei soci della SdS.

“L’intento è quello di migliorare e incrementare i servizi presenti sul territorio e le Case della Comunità rispondono precisamente a questa necessità andando ad aggiungersi, e non a sostituirsi, agli attuali distretti" ha sottolineato Morotti.

“Questo percorso prende le mosse dal lavoro avviato sulle Case della Salute, oggi Case della Comunità, dalla compianta presidente Gianna Gambaccini che ha accesso un riflettore su questa importante tematica - ha quindi ricordato Di Maio -. Abbiamo lavorato in tempi contingentati dato che l’Azienda ha ricevuto la documentazione all’inizio di Ottobre e ci ha formulato le sue ipotesi il 4 Novembre e noi abbiamo fatto la nostra proposta migliorativa già il 22 Novembre, in appena due settimane: nonostante il ritmo serrato, siamo riusciti ad incrementare i servizi destinati al nostro territorio dato che, da una proposta iniziale di 5 Case della Comunità (1 hub e 4 spoke), siamo arrivati ad una soluzione accolta all’Azienda di 6 CdC in tutto il territorio della Zona Pisana, di cui 2 hub (Pisa e Cascina) e 4 spoke (Crespina Lorenzana, Marina di Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano)". 

"Al riguardo - ha aggiunto il presidente della SdS - l'aver ottenuto una CdC nella zona collinare è stata anche la conseguenza della ferma presa di posizione del Comune di Fauglia che già da tempo aveva avviato un percorso per dotare il territorio di questo importante servizio. L'Azienda, dopo un'attenta valutazione delle proposte avanzate dai comuni di Crespina-Lorenzana, Fauglia e Orciano Pisano, ha individuato nella frazione di Pian di Laura (Crespina-Lorenzana) la migliore collocazione geografica al servizio dei cittadini dell'area collinare".

Il difficile, però, viene adesso. “Il Pnrr mette a disposizione le risorse per gli interventi infrastrutturali ma, una volta fatte, le Case della Comunità dovranno essere riempite di contenuti e servizi – ha osservato ancora Di Maio -: quando si dice che le risorse della sanità territoriale sono inferiori rispetto alle esigenze, infatti, è segno che la politica non sta riuscendo nel suo compito. Noi, come amministratori abbiamo il diritto e il dovere di chiedere le risorse che servono a chi gestisce la sanità a livello regionale e nazionale. In tal senso è importante il lavoro e il contributo di tutti”.

Soddisfatta Valentina Ricotta, vicesindaca di Calci che, come componente dell’assemblea della SdS ha moderato l’incontro: “E’ stata una prima occasione per aprire la discussione e il dibattito sulle novità che attendono la sanità territoriale: è stata fatta chiarezza sul ruolo dei distretti, che non saranno toccati dalla riforma ed è stata data la possibilità ai cittadini di conoscere dove saranno collocate le nuove Case della Comunità della Zona Pisana e che ruolo avranno nella trama complessiva dei servizi della sanità territoriale


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il gruppo de La Città delle Persone rivendica il progetto per il nuovo passaggio: "Ipotesi migliore di una ciclabile tortuosa e costosa"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità