Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA16°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Politica giovedì 05 maggio 2022 ore 07:00

Pd e Lista Masi difendono l'espansione di Navacchio

Il Municipio di Cascina

Prosegue il "vivace" dibattito politico sull'ampliamento dell'area commerciale. Per Rollo "il sindaco Betti non risponde nel merito"



CASCINA — Partito Democratico e Lista Masi sostengono con convinzione la delibera della giunta Betti sull’area commerciale di Navacchio. Per i rappresentanti del Pd cascinese, il segretario Giovanni Russo e la capogruppo Alessia Marrucci, “è un dato di fatto che l’area sia in espansione, lo dimostrano gli investimenti di molti privati per riqualificare edifici abbandonati da anni". 

"C’è stato inoltre un significativo miglioramento delle aree a parcheggio - argomentano Russo e Marrucci - e sappiamo che sarà cruciale progettare e realizzare una nuova viabilità. Ma proprio per le ragioni di attenzione al consumo di suolo abbiamo deciso di ridurre drasticamente le previsioni di nuove edificazioni commerciali, come previsto da chi ci ha preceduto, e non si potrà costruire oltre la Superstrada. Abbiamo intrapreso un lungo percorso di approfondimento sia nel partito che nelle commissioni consiliari e la delibera va nella direzione da noi auspicata durante la campagna elettorale: dare la possibilità all’area di Navacchio di rinnovarsi ed essere utile ai cittadini, portando crescita e occupazione sul territorio, senza un drastico consumo di territorio”

Aggiunge la capogruppo Lista Masi, Cristina Bibolotti: “Chi amministra ha il dovere di prendere decisioni e non solo limitarsi a “buttare in avanti la palla” lasciando ai posteri annosi problemi. E questo è quello che si inteso fare nel caso dell’area commerciale di Navacchio, procedendo ad analizzare nel dettaglio le pratiche che sono state sottoposte, seguendo come linea quella dell’effettivo beneficio per Cascina. Appaiono quindi oltremodo strumentali le motivazioni pervenute dai gruppi che hanno deciso di votare in senso contrario che, infatti, nulla di concreto hanno saputo dire se non sollevare dubbi in ordine a eventi occorsi decenni addietro. Quasi che chi amministra dovesse farlo sulla base dei sentito dire e delle chiacchere e non, invece, sulla base di valutazioni oggettive fondate su pareri tecnici e politicamente meditate”.

A sollevare dubbi e a lanciare accuse è stato il gruppo Valori e Impegno Civico Dario Rollo, che insiste sulla linea intrapresa. "Le risposte ricevute dal sindaco Betti e dall’assessore Masoni in merito alla delibera di approvazione dell’ampliamento della zona commerciale di Navacchio, dimostrano, per l’ennesima volta, superficialità e mancanza di analisi dei documenti" afferma Dario Rollo

“Per quanto riguarda il sindaco che non risponde nel merito oramai è cosa risaputa - prosegue Rollo -. E’ dall’inizio del mandato che non risponde con dati e documenti alle accuse rivolte alla sua amministrazione e anche quando sedeva sui “banchi di scuola” non rispondeva del suo operato da presidente della fondazione Sipario Toscana Onlus. L’unico modo è quello di usare la parola “querela” evidenziando la sua inettitudine a ricoprire ruoli pubblici”. 

"L’assessore invece dimostra di non saper leggere i documenti - scrive ancora Rollo -. Lo ha fatto in consiglio e continua a farlo sulla stampa affermando che la passata giunta chiedeva agli uffici di proseguire con l’approvazione dell’area commerciale di Navacchio perché di più veloce attuazione. In quale informativa è stata indicata tale soluzione? Non risulterebbe in nessun verbale. Quello a cui fa riferimento l’assessore (approvazione solo scheda norma 39 a/b) è una delle ipotesi che gli uffici tecnici avevano avanzato nell’informativa ma che non ha trovato la volontà della passata amministrazione. L’idea invece era quella di attendere la scadenza del vecchio Regolamento Urbanistico e pianificare in maniera organica con i nuovi strumenti del PSI (Piano Strutturale Intercomunale) e POC (Piano Operativo Comunale) comprendendo una visione di area più vasta in sinergia con Ospedaletto e Montacchiello sia da un punto di vista dei servizi che della viabilità. Invece questa amministrazione ha pensato bene di mettere un freno allo sviluppo del territorio". 

"E’ evidente che l’operazione avvantaggia il proprietario del sub-comparto 39B - osserva in conclusione Rollo - che potrà ora presentare un piano attuativo e concludere l’operazione immobiliare nell’area. Per quanto riguarda le tempistiche di acquisizione dei terreni agricoli diventati poco dopo commerciale e la concentrazione delle volumetrie solo in una dei due sub-comparti, è evidente a tutti. Solo al PD risulta tutto normale. Infine, tengo a ricordare agli “sbadati” amministratori che la giunta comunale è un organo esecutivo, mentre è il consiglio comunale che stabilisce gli indirizzi dell’Ente".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lutto per la scomparsa di Anna Di Milia Tongiorgi, Cavaliere della Repubblica Italiana e fino al 2021 presidente dell’associazione Non più Sola
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Cronaca

Cronaca