Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:40 METEO:PISA11°16°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 22 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, le immagini dalla bodycam dell'agente che ha sparato alla sedicenne Ma'Khia Bryant

Attualità sabato 06 marzo 2021 ore 11:57

Suolo pubblico, esenzione per tutto il mese

Il Comune di Cascina ha disposto la proroga dell’esenzione dal pagamento del suolo pubblico per bar e ristoranti, fino al 31 Marzo 2021



CASCINA — Con delibera di Giunta, il Comune di Cascina ha disposto la proroga dell’esenzione dal pagamento del suolo pubblico per bar e ristoranti, fino al 31 Marzo 2021, nel limite massimo della superficie interna dei locali, destinata alla somministrazione.

“Al momento confermiamo il termine previsto dal decreto Ristori, ma, come anticipato alle associazioni di categoria, proporremo il prolungamento dell’esenzione in Consiglio Comunale con una modifica transitoria del Regolamento per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Siamo consapevoli di quanto sia delicata l’attuale situazione economica delle attività commerciali cascinesi, aggravata anche dall’incertezza circa i tempi che saranno ancora necessari per l’allentamento delle attuali restrizioni. E per questa ragione stiamo lavorando a misure di sostegno, destinando risorse comunali in favore delle categorie più colpite”, spiegano gli assessori Bice Giudice e Paolo Cipolli.

La delibera prevede, oltre all’esonero dal pagamento del suolo pubblico, la semplificazione delle procedure amministrative di rinnovo delle concessioni già rilasciate, di rilascio di quelle nuove e di ampliamento delle superfici già concesse.

Le domande dovranno essere inviate a Sepi Spa mediante Pec, in carta semplice e non in bollo.

In caso di richiesta presentata per la prima volta, dovrà essere allegata la planimetria della superficie esterna che si voglia utilizzare e, in caso di sovrapposizione di spazi o di copertura di altro ingresso o vetrina, la dichiarazione di consenso del titolare delle attività limitrofe, con possibilità di occupazione di suolo pubblico fino ad un massimo della metratura della superficie interna di somministrazione.

Secondo questa impostazione l’utilizzo temporaneo di aree pubbliche in concessione da parte dei titolari di attività di pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, mediante installazione di strutture amovibili quali dehors, espositori menu, elementi di arredo urbano, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni a servizio delle attività, non richiede autorizzazione, ma una valutazione preventiva della Polizia Municipale che sarà rilasciata entro il termine massimo di 10 giorni lavorativi.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I numeri relativi alle ultime 24 ore in provincia parlano di 98 nuovi casi e un decesso. I dati dai report di Regione e Asl
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca