Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:05 METEO:PISA20°25°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Valentino Rossi annuncia: «Mi ritirerò a fine stagione»

Attualità venerdì 23 dicembre 2016 ore 13:05

In India per combattere le malattie degenerative

Ricercatori dell'ospedale di Cecina insieme a Bhalobasa e all’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr aandranno a Bolpur per fare ricerca



CECINA — Si chiama Progetto India e ha come obiettivo la promozione di un sano stile di vita. Alessandro Pingitore dell' Ifc e Claudio Marabotti dell'ospedale di Cecina, con la collaborazione tecnica di Mirko Passera dell'Ifc, dal 21 al 27 di gennaio saranno a Bolpur, nel distretto di Birbhum, con l'obiettivo di raccogliere e archiviare informazioni su marcatori bioumorali, antropometrici, metabolici, nutrizionali, ormonali, infiammatori e di stress ossidativo in 150 bambini.

Il progetto, che coinvolge l'associazione Bhalobasa e l’Istituto di fisiologia clinica del Cnr di Pisa in collaborazione con l’iniversità di Kolkata, Ospedale di Cecina, Acli toscane, Csi pisano, Diocesi di Asansol e Ruby General Hospital di Kolkata, ha il fine ultimo quello di prevenire l'insorgenza, nei bambini, di malattie degenerative croniche,  incluse quelle cardiovascolari che  rappresenta la principale causa di morte, pari a oltre 15 milioni, in tutto il mondo ogni anno nei paesi occidentali. In India, la mortalità per le malattie degenerative croniche è in aumento. 

Il progetto è nato per migliorare la qualità della vita con l’introduzione di un corretto stile di vita di bambini e bambine (circa 400, inizialmente) di due ostelli della città di Bolpur, nel distretto di Birbhum, attraverso il cambiamento della dieta e con l’introduzione di attività sportivo-ricreative mirate. L’obiettivo generale è quello di contrastare il peso delle malattie croniche, in quella fascia di popolazione indiana costretta a vivere nella povertà e nel degrado sociale. Il progetto, dopo la prima raccolta di dati, ha lo scopo di fornire alle strutture coinvolte, scuole e ostelli, un contributo propositivo e modulabile sulla base delle esigenze e della realtà in cui si trovano, per la pratica responsabile di corretti stili di vita. Contestualmente saranno proposte campagne di informazione che mireranno a modificare i comportamenti che favoriscono l’insorgere di malattie degenerative di grave impatto epidemiologico.

Il progetto India può essere sostenuto con donazioni che possono essere effettuate online tramite il sito: www.bhalobasa.it/come-donare-progetti o tramite bonifico bancario utilizzando il seguente Iban: IT 65 Z 01030 25200 000000063118 e inserendo come causale il numero 488 (per il progetto “miglioramento della situazione alimentare e sanitaria in due collegi di Bolpur) o il numero 489 (per il progetto “acquisto di due purificatori di acqua artesiana per due collegi di Bolpur”).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Parcheggi Ospedale Cisanello: dal 1 settembre il "C" a pagamento per favorire il ricambio delle auto. Accordo con i sindacati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità