Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:18 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Cronaca lunedì 31 marzo 2014 ore 13:13

Colpivano vicino ad aree verdi e con strumenti silenziosi

Secondo la Questura la banda avrebbe colpito ancora: un centinaio di furti all'attivo tra Padova e Milano



SAN GIULIANO TERME — Quando i poliziotti lo hanno raggiunto, si era acceso una sigaretta. Tentando la fuga, uno dei quattro arrestati della banda che in sei giorni aveva svaligiato sei attività commerciali a Pisa, San Giuliano Terme e Cascina (ma altri compiuti a dicembre scorso potrebbero essere attribuiti agli stessi soggetti) ha scavalcato un recinto ma ha fatto un volo di 4 metri, non avendo visto il muro di cemento. Un altro dei quattro è stato preso da un agente a piedi, che per l'inseguimento ha chiesto un passaggio a un cittadino. Tra i quattro arrestati, poi, c'è un minore, un ragazzo di 17 anni. Uno solo è riuscito a seminare gli agenti della questura di Pisa, coadiuvati dalla Mobile di Padova e il giorno dopo gli arresti sarebbe stato visto nei pressi della stazione di Pisa. I cinque uomini non hanno un domicilio italiano e alloggiavano in un affittacamere del centro dove il quinto uomo non è più tornato: una parte dell'affitto era già stata pagata visto che gli uomini alloggiavano lì dal 18 marzo. Nonostante si muovesse a piedi, nella disponibilità della banda c'era un'auto, targata in Romania è intestata a uno dei soggetti. Ora sequestrata dalla Polizia. La tecnica di furto messa in opera dagli agenti era quasi perfetta: muovendosi a piedi e utilizzando solo strumenti silenziosi riuscivano a non dare nell'occhio e ogni colpo era preparato con cura: prima il sopralluogo dell'area e del locale, sempre vicino ad aree verdi o sugli argini del fiume (proprio buttandosi nel fiume l'uomo è riuscito a scappare). Poi tagliavano la serranda del locale, così da non manomettere la serratura e non far scattare allarmi. Buttavano tutto in una coperta e nel giro di un paio di minuti erano già nascosti tra il verde, con calma imbustavano la refurtiva, mentre carabinieri e forze dell'ordine terminavano i rilievi e i pattugliamenti. Solo allora, con la situazione tornata tranquilla, raggiungevano l'affittacamere passando per sentieri e stradine secondarie. L'unico neo del piano erano i pali, a diversi metri e con i quali era necessario comunicare attraverso schede telefoniche, cambiate ogni settimana. La questura, quindi, sapeva che avrebbero agito e conosceva la zona, pur se con un'abbondante approssimazione. Uomini a piedi e in auto attendevano che la banda colpisse. Tra Padova e MilNo, la banda aveva messo a segno un centinaio di colpi: a Pisa, con molta probabilità, avrebbero lavorato ancora a lungo. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La provincia di Pisa, nelle ultime 24 ore, registra quasi cento nuove positività al coronavirus. Il dettaglio per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità