Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:21 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, la scheda chiusa in un sacchetto: ecco come votano i parlamentari che hanno il Covid

Attualità mercoledì 16 settembre 2015 ore 13:30

L'artigianato si impara in bottega

Sauro Badalassi

Nasce a Santa Maria a Monte la prima bottega-scuola di settore. Presto attivi corsi di formazione per aspiranti artigiani



SANTA MARIA A MONTE — Le botteghe artigiane, da luoghi di lavoro diventano anche luoghi di formazione. Almeno è così per il tomaificio Nuova Cabor sas a Ponticelli, prima Bottega scuola per la lavorazione della pelle in provincia di Pisa. 

La pratica, istruita dal Cna di Pisa, si è conclusa nel mese di agosto quando, dopo un'ispezione, la Regione le ha assegnato all'azienda il massimo del punteggio previsto.

Con l'istituzione della bottega scuola, la nuova Cabor sas, diventa a tutti gli effetti un'agenzia formativa che può accogliere persone in formazione gratuita, attivare corsi di formazione finanziati da fondi Fse e corsi di formazione a pagamento, il tutto gestito e diretto dal titolare, Sauro Badalassi di Castelfranco di Sotto. 

Badalassi aveva già ottenuto qualche mese fa la qualifica di Maestro artigiano. "E' un vero artigiano -si legge in una nota della Cna pisana- in grado di stare al passo con i tempi e fare ricerca e sperimentazione, senza mai dimenticare l’importanza del saper fare classico, fatto di mani esperte, occhi attenti, collaboratori formati e appassionati, cura delle esigenze della committenza e soprattutto amore per il proprio lavoro. Non a caso i semilavorati (le tomaie) della Bottega di Sauro Badalassi diventano componenti essenziali di calzature da donna per brand dell’alta moda".

"Il nostro intento - sottolinea Roberto Marzini, presidente Cna Area Valdarno Inferiore- è che questo primo riconoscimento apra la strada a molte altre realtà artigianali che possono in questo modo ottenere un triplice risultato: avere continuità nella trasmissione dei saperi, della esperienza e della tradizione; essere facilitati nella formazione delle nuove leve e avere disponibilità di risorse aggiuntive sia economiche che lavorative".

Cna guarda all'artigianato come a un importante motore dell'economia: "Un'economia reale fatta di gente solida, moderna, padrona del sapere e del sapere fare, attenta alla qualità e all’etica delle loro produzioni e in grado di trasmettere ai giovani non solo le proprie competenze, ma anche e soprattutto la propria passione per il lavoro fatto bene. In settori come quello della moda ciò è indispensabile per traguardare questo ancora difficile periodo economico". 

Sauro Badalassi ha scelto la Cna come propria organizzazione di categoria. "Ciò ci rende orgogliosi -commenta il presidente- e ci spinge a continuare ad operare per la difesa degli artigiani e dei piccoli imprenditori con sempre maggiore convinzione e forza”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, di Viareggio, era in bici con il marito lungo l'Aurelia ed è stata ricoverata in gravi condizioni. E' caccia all'automobilista pirata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità