Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PISA18°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 02 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Boris Johnson si spaventa al saluto di Erdogan e gli sposta la mano

Spettacoli lunedì 14 aprile 2014 ore 16:35

Dal piroscafo Duilio, l'arrivederci alla prosa

Massimo Ranieri e Viviani Varietà sul palco del Teatro Verdi



PISA — Viviani Varietà. Poesie, parole e musiche del Teatro di Varietà di Raffaele Viviani, messo in prova nel 1929 sul piroscafo Duilio in viaggio da Napoli a Buenos Aires, ha chiuso con successo la stagione di prosa del Teatro Verdi di Pisa.
Lo spettacolo, diretto da Maurizio Scaparro, è andato in scena sabato 12 e domenica 13 aprile. Massimo Ranieri interpreta Raffaele Viviani che, diretto in Argentina alla ricerca di fortuna con la sua compagnia teatrale, durante la traversata mette in scena lo spettacolo di fronte ai passeggeri del transatlantico. L’artificio metateatrale diventa lo strumento per raccontare tematiche che si intrecciano tra di loro: attraverso la figura dell’artista racconta le contraddizioni culturali di Napoli senza prescindere dal contesto storico dell’epoca, il periodo della Grande Depressione, la crescente emigrazione, la politica della corruzione richiamano alla crisi economica attuale; situazioni e atmosfere legate alla quotidianità diventano emblematiche del sistema socio-culturale. Il passaggio dell’equatore viene reso simbolo del confine di due universi, il mondo sudamericano avvertito come realtà ignota e misteriosa che viene esorcizzata con i canti e col divertimento. Le musiche, attinte dal repertorio del drammaturgo napoletano, sono anch’esse protagoniste dello spettacolo cabarettistico in cui si alternano a parti recitate e sketch comici in un susseguirsi di scambi di registri espressivi con passaggi da umoristici a nostalgici, da divertenti a riflessivi. Un’attenzione particolare viene poi dedicata al ruolo del teatro e dell’attore, alla perdita della loro centralità e alla condizione di povertà che li accomuna ai personaggi da loro stessi interpretati nella pièce. La galleria di ritratti riassume le figure tipiche partenopee riproducendole nel loro dialetto, nei loro tratti caratterizzanti e nella loro gestualità: lo scugnizzo, il guappo, il vinaio, l’acquaiolo, la meretrice, i clandestini sono interpretati magistralmente da Ernesto Lama, Roberto Bani, Angela De Matteo, Mario Zinno, Ivano Schiavi, Gaia Bassi, Rhuna Barduagni, Antonio Speranza e Martina Giordano. Aspetto innovativo è l’esecuzione dal vivo dell’orchestra, composta da Aniello Palomba (chitarra), Ciro Cascino (pianoforte), Luigi Sigillo (contrabbasso), Donato Sensini (fiati) e Mario Zinno (batteria).

Viola Luti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'esemplare è stato recuperato al giardino Scotto e poi riportato nel suo habitat naturale. Era stato avvistato anche nella vicina piazza Guerrazzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Spettacoli

Cronaca