Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Cultura martedì 16 febbraio 2016 ore 16:48

L'elbana che svela i segreti di Dante

Foto di: Luca Lombardi da Facebook

Paola Andriani e fa parte del gruppo di ricerca dell'università di Pisa che sta sviluppando un nuovo modo per "mappare" le opere del Vate



CAMPO NELL'ELBA — Si chiama DanteSources, è un progetto di ricerca sviluppato nell’ambito del progetto PRIN (2013-2016) “Per una Enciclopedia Dantesca Digitale”, ed è il risultato della collaborazione tra il dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura dell’Università di Pisa e il gruppo di Digital Libraries dell’ISTI-CNR.

L'idea, portata avanti dall'elbana Paola Andriani e dai colleghi Valentina Bartalesi e Daniele Metilli è semplice: fare una mappa di Dante. Prendere le fonti che il poeta ha usato per le sue opere, dalla Commedia in poi, e farne una trasposizione visiva e consultabile per gli studiosi e gli appassionati.

"Lo scopo del PRIN - spiega Andriani - è quello di sviluppare strumenti di supporto agli studiosi nel creare, arricchire e consultare un’enciclopedia relativa alle opere di Dante Alighieri. In questo contesto è stata sviluppata la biblioteca DanteSources. 

La biblioteca digitale è stata realizzata utilizzando le tecnologie del web semantico: la conoscenza è stata rappresentata sulla base di un’ontologia da noi sviluppata popolata di dati relativi alle fonti primarie citate da Dante nelle sue opere".

Tramite l’interfaccia web (dantesources.org) di DanteSources è possibile visualizzare informazioni relative alle fonti primarie citate da Dante Alighieri nelle sue opere. In particolare è possibile: visualizzare la distribuzione delle fonti primarie, autori e aree tematiche citate da Dante, visualizzare la lista dettagliata delle fonti primarie e degli autori citati e visualizzare la tipologia di citazione con cui Dante cita le fonti primarie.

"Per la prima volta - continua la studiosa - questi dati sono stati digitalizzati permettendo così di semplificare la ricerca e di renderli disponibili in formato di facile lettura sotto forma di tabelle e grafici. La metodologia utilizzata e gli strumenti sviluppati sono facilmente riutilizzabili e adattabili per rappresentare la conoscenza di altri autori della letteratura italiana e non".

Il progetto PRIN fa capo a Marco Santagata, studioso di letteratura italiana e in particolare di Dante Alighieri, è stato coordinato da Mirko Tavoni, anche lui studioso di Dante e professore di linguistica italiana all’Università di Pisa, e Carlo Meghini, primo ricercatore dell’ISTI-CNR di Pisa.

Il progetto DanteSources è stato candidato ai Digital Humanities Award 2015 (http://dhawards.org/dhawards2015/voting/) nella categoria “Best DH Tool or suite of tools". È possibile sostenere il progetto votando a questo link: http://goo.gl/forms/ucZNF9f2YZ.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ferito un giovane di 23 anni, che per i traumi riportati è stato trasportato all'ospedale di Cisanello in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lida Chiavacci Ved. Ginesti

Giovedì 25 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca