Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Cronaca lunedì 17 febbraio 2014 ore 15:39

Elezioni europee, Pisa incentiva la partecipazione degli stranieri comunitari

Un video e un volantino multilingue fanno parte della campagna di sensibilizzazione Operation Vote



PISA — Il voto è un diritto sempre meno esercitato. Anche per questo è nato Operation Vote, che punta a incentivare la partecipazione alle elezioni anche di chi non vive più nel proprio Paese.

Al progetto Operation Vote, realizzato per l’Italia dall'ong Cospe e sviluppato con il supporto del programma Ue Fundamental rights and citizenshi, hanno aderito anche la Toscana e la Provincia di Pisa, oltre alla Consulta territoriale dell'immigrazione.
“Nonostante il numero crescente, l’inclusione dei cittadini comunitari residenti in Italia nella vita politica del Paese è limitata. Lo dimostrano i dati relativi alla presenza in partiti politici, associazioni o sindacati – spiegano l’assessore provinciale Silvia Pagnin e le componenti della Consulta immigrazione Adriana Paduraru e Veronica Drugas - , in primis quelli riguardanti la loro partecipazione alle tornate elettorali. Secondo le stime del Cospe, gli iscritti alle liste aggiunte per votare alle prossime europee e amministrative sono appena otto su dieci”.
Tra le cause c’è la scarsa e disomogenea informazione verso i diretti interessati. Per superare questo scoglio, la campagna Operation Vote si compone di un video e di volantini in varie lingue, volti a sensibilizzare i cittadini comunitari immigrati sui loro diritti. Nel caso delle consultazioni per il Parlamento Europeo, per esempio, possono scegliere se andare alle urne per eleggere i rappresentanti del proprio Paese o se scegliere tra i candidati italiani (in questo caso è necessario iscriversi a una ‘lista aggiunta’ nel comune di residenza).
“Il nostro contributo, in particolare - conclude Pagnin - è quello di aver promosso una stretta collaborazione tra le organizzazioni che lavorano con i migranti da Paesi europei (e in specie con i ‘neocomunitari’), che hanno avviato un'intensa azione di informazione nei principali loro luoghi di ritrovo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità