Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:48 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il «quasi» conclave nel ristorante di Roma con Orlando, Provenzano, Ronzulli, Tajani e Cesa

Cronaca venerdì 09 maggio 2014 ore 21:01

Falaschi, spedite le prime lettere

L'esercizio provvisorio termina il 30 giugno. Pronti i bandi per gli affidamenti del trasporto scolastico in alcuni comuni di Valdera e Val di Cecina



PISA — Per ora ne sarebbero arrivate solo un paio, ai dipendenti che per essere licenziati necessitano di un preavviso più lungo. Ma nei prossimi giorni potrebbero esserci altre lettere di licenziamento nelle cassette dei lavoratori della Falaschi Srl, la ditta che, tra l'altro, si occupa di trasporto scolastico in 13 comuni della provincia di Pisa. 

Almeno fino a giugno, quando, se non ci saranno modifiche, terminerà l'esercizio provvisorio. Circa 70 i lavoratori, 200 in tutta la Toscana, dell'azienda in mano al liquidatore e che già a gennaio ha rischiato di lasciare letteralmente a piedi circa 3mila bambini al rientro dalle vacanze.
Poi l'accordo e la decisione di prolungare l'esercizio provvisorio fino a giugno, al termine dell'anno scolastico.
La lotta sindacale della Filt Cgil ha permesso di far assumere tutti i dipendenti, almeno per garantire i sussidi.
La partita, a dire il vero, è ancora aperta. Ma il curatore fallimentare non sembra intenzionato a prolungare ulteriormente l'esercizio e così tutti i dipendenti andranno in mobilità. Un po' di pressing potrebbero farlo i comuni più grandi che non hanno ancora iniziato a lavorare al bando e che potrebbero chiedere il prolungamento fino a fine anno. Se c'è un progetto, però. Perché per i lavoratori entrare in mobilità a gennaio potrebbe significare avere meno soldi.
Resta anche l'interesse di alcune cooperative di trasporti a rilevare, ma è difficile investire se il bando è solo annuale e con prezzi bassi. Un'alternativa per il curatore potrebbe essere affittare i mezzi, portando in azienda soldi freschi per pagare i debiti.
Bandi per le gare d'appalto del servizio per il prossimo anno scolastico, intanto, sono pronti per alcuni comuni di Valdera e Val di Cecina che avevano affidato il servizio alla Falaschi e che dovranno procedere alle assegnazioni per il nuovo anno scolastico entro luglio: su pressione della Filt Cgil, saranno assegnati punteggi più alti alle aziende che riassumono il personale. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità