Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Stupido figlio di p...», la gaffe di Biden che insulta un giornalista a microfono acceso

Politica domenica 14 giugno 2020 ore 07:35

Dalla Regione risorse per il Galilei

L'annuncio del consigliere regionale PD: "Pronto un piano da 100 milioni per sostenere la ripartenza di turismo, scuole, università e imprese"



FIRENZE — "Confermare la presenza delle compagnie low cost in arrivo e in partenza dal Galilei è fondamentale per sostenere la ripartenza di Pisa, della costa e di tutta la Toscana dopo i mesi di lockdown. Per questo motivo la Regione, all'interno di un pacchetto straordinario di misure da varare post pandemia su proposta del presidente Enrico Rossi, ha deciso di stanziarne una parte importante proprio a sostegno del Galilei e del cosiddetto 'marketing support' alle low cost. Un provvedimento importantissimo per ribadire non solo la centralità del nostro scalo all'interno del sistema aeroportuale toscano ma anche per dare una risposta concreta a tutto il settore del turismo, a partire dalla costa toscana, così duramente colpito in questi ultimi mesi".


L'annuncio arriva dal consigliere regionale PD Antonio Mazzeo a seguito di un incontro avuto nei giorni scorsi insieme alle altre forze di maggioranza proprio con Rossi nel corso del quale lo stesso presidente ha illustrato le linee guida di una serie di misure da mettere in campo per sostenere la ripartenza nella cosiddetta "fase 3".

Intanto non si placa l'eco dello spostamento di un volo Alitalia da Pisa a Firenze( vedi articoli correlati ):"A distanza di pochi giorni dalle dimissioni di Gina Giani , due voli Alitalia sono stati spostati da Pisa a Firenze. Magari (chissà) tra qualche mese torneranno a Pisa ma per la ripartenza servirebbero ora.

Per anni abbiamo parlato di una visione Fiorentino centrica che avrebbe avuto ripercussioni negative sul lavoro nello scalo Pisano, per la reiterata volontà di potenziare lo scalo fiorentino deviando da Pisa voli commerciali e merci e alcune tratte.

I primi a pagare saranno ancora una volta i lavoratori degli appalti oggi impiegati nelle cooperative di pulizia e facchinaggio.

E con loro a pagare sono i tanti operai e impiegati dell'ìndotto che lavora attorno al Galilei", dice il sindacato generale di base.

E sullo stesso argomento interviene anche Futuro Horeca, sigla che raggruppa imprese della ristorazione e del turismo:"Non possiamo fare a meno di esprimere le nostre preoccupazioni non solo sull’eventuale indotto che verrà a mancare alla nostra città ma anche della sua perdita di prestigio in ambito internazionale. 

Per quanto la componente commerciale che determina le scelte delle aziende sia un fattore determinante e fondamentale, non si può fare a meno di analizzare tutti i side effect di questa decisione in altri ambiti, quali l’occupazione locale, il business del settore Hôtellerie e somministrazione alimenti e bevande, il business dei trasporti pubblici locali e privati con positive ricadute nelle casse del comune, la possibilità di avere accesso agli scali intercontinentali con celerità per rimanere in tema di aviazione, il risparmio nell’acquistare biglietti aerei internazionali che comprendono lo scalo."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal bollettino regionale i dati che fotografano l'andamento dell'epidemia nelle ultime ventiquattro ore. Altri due decessi in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità