Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:31 METEO:PISA20°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tamberi e Jacobs i piedi sulla sedia, l'emozionante discorso ai compagni

Attualità martedì 28 luglio 2015 ore 16:30

I migranti potranno fare volontariato

La Società della salute pisana aderisce al protocollo regionale. Via ai percorsi educativi di accoglienza ed integrazione



PISA — Da ospiti a parte attiva del tessuto sociale: grazie all’accordo regionale tra Anci Toscana, Regione Toscana, Prefettura di Firenze, Associazioni di volontariato e Cooperative sociali, a cui aderisce la Società della Salute dell’area pisana, i migranti ospitati nel territorio potranno svolgere attività di volontariato a favore della comunità. 

Le attività - Si tratta di percorsi educativi di accoglienza ed integrazione a favore dei migranti inseriti in strutture di accoglienza del territorio. Percorsi che dovranno permettere ai migranti di conoscere ed integrarsi nel contesto sociale che li ospita, attraverso lo svolgimento di attività di volontariato finalizzate al raggiungimento di uno scopo sociale e/o di pubblico interesse (non a fini di lucro) che consentano di acquisire un ruolo attivo, partecipe e che restituiscano loro dignità. Le attività sono svolte a favore della collettività territoriale ospitante, contribuendo a conseguire un bene e un valore di natura altamente sociale per le Comunità e per i territori in cui esse vengono realizzate. Pertanto tali attività dovranno inserirsi nei contesti di carattere civile, sociale, educativo, ambientale, sportivo e culturale.

Il piano – La Società della Salute sta già raccogliendo le adesioni di associazioni di volontariato e di promozione sociale che predispongono appositi progetti. Hanno già aderito: Arci provinciale, Acli provinciale, La Racchetta (Cascina), Croce Rossa di Cascina, Misericordia di Calci, San Vincenzo De Paoli di Calci, Orti Pisani Onlus (San Giuliano Terme), Bagni Crea (San Giuliano Terme), Misericordia di Vicopisano, Vicoverde (Vicopisano), Orcotondo (Vicopisano), Ortaccio (Vicopisano). A queste si stanno aggiungendo altre associazioni del territorio dell’area pisana. Dall’altro lato la SdS coinvolgerà i migranti ospiti nelle strutture per spiegare loro il progetto vagliandone la disponibilità a partecipare.

Il protocollo regionale – E’ un accordo tra la Regione Toscana, la Prefettura UTG di Firenze, ANCI Toscana, Associazioni di volontariato, Associazioni di Promozione sociale, Cooperative sociali e altri soggetti gestori delle attività di accoglienza per la realizzazione di percorsi di accoglienza e integrazione a favore dei cittadini stranieri che hanno presentato istanza per il riconoscimento della protezione internazionale o sono in attesa della definizione del ricorso ospitati nelle strutture di accoglienza presenti sul territorio regionale. La Regione corrisponderà ai Comuni un contributo a copertura delle spese assicurative per la responsabilità civile verso terzi e contro gli infortuni, per eventuali strumenti, attrezzature e dispositivi di protezione individuale per l’esercizio delle attività previste, per l’eventuale attività di orientamento e di partecipazione ad attività di formazione necessarie affinché possano essere svolte le attività di volontariato previste dai progetti di inserimento.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore. Oltre il 75 per cento dei nuovi contagi si è verificato tra bambini, ragazzi e giovani sotto i 35 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità