QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°26° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 25 agosto 2019

Cronaca venerdì 14 febbraio 2014 ore 13:00

Il cuore uccide 250mila persone ogni anno. Due giorni a Pisa per prevenire

Al cuor non si comanda, anche Pisa e Aoup aderiscono alla campagna per la lotta alle malattie cardiovascolari



PISA — Fino al 16 febbraio si svolge in tutta Italia l'iniziativa Al cuor non si comanda, cominciata il 10 e organizzata nell'ambito della campagna Cardiologie Aperte 2014, a cura della Fondazione per il tuo cuore che ha come finalità la lotta alle malattie cardiovascolari attraverso lo sviluppo della ricerca e l'educazione sanitaria.
Per questa occasione anche la cardiologia dell’Aoup, nella figura di Paolo Fontanive, consigliere regionale dell’Anmco, ha promosso a Pisa una serie di appuntamenti.

Sabato 15 febbraio, con il patrocinio del Comune di Pisa, personale medico ed infermieristico sarà presente sul retro delle Logge di Banchi in Corso Italia, dalle 15 alle 19, per attività di informazione ed educazione sanitaria, distribuendo opuscoli divulgativi.

Domenica 16 febbraio, in collaborazione con l'associazione pisana Amici del cuore e con l'Acsi-Associazione centri sportivi italiani di Pisa, nell’Aula Giovanni Gronchi (località Cascine Vecchie, Tenuta di San Rossore), dalle 9 alle 13 si svolgerà Il cuore: questo amico da conoscere e da proteggere. Parteciperanno Paolo Fontanive, Cardiologia Aoup (presentazione e finalità dell'evento), Luciano Sbrana, presidente associazione “Amici del cuore” di Pisa (scopi ed operato dell’associazione), Luca Malucchi, presidente Acsi Pisa (l’utilità dell’associazionismo per la pratica sportiva), Giovanni Bigalli e Frank Lloyd Dini, Cardiologia Aoup (come ridurre il rischio di ammalarsi di cuore), Maurizio Cordoni, psicologo “Amici del cuore” (riduciamo lo stress ed aiutiamo il cuore), Laura Carrozzi, e Francesco Pistelli, Pneumologia Aoup (un aiuto per sconfiggere il vizio del fumo), Andrea Pieroni, Cardiologia-emodinamica Aoup (dai sintomi di infarto all'angioplastica coronarica), Maurizio Cecchini, Medicina d'urgenza Aoup (l’utilità del defibrillatore e il suo uso con dimostrazione pratica).

Le malattie cardiovascolari costituiscono il più importante problema di salute nel mondo occidentale e generano un pesante impatto sull'aspettativa e sulla qualità di vita della popolazione, con un gravoso impegno di risorse sanitarie. Ogni anno in Italia quasi 250mila persone muoiono per malattie cardiache e vascolari: esse risultano essere la prima causa di morte nel nostro paese. Vengono colpiti da infarto miocardico circa 150mila individui, ma si stima che 40.000 persone perdano la vita prima di arrivare all'ospedale. Vittime di morte cardiaca improvvisa sono anche i giovani e gli sportivi: se ne stimano circa 1000 casi all'anno.

Le strategie terapeutiche a disposizione, farmacologiche ed interventistiche, sono migliorate negli ultimi anni con conseguente riduzione della mortalità. In particolare in Aoup la cardiologia è in grado di fornire prestazioni di elevata qualità nella diagnostica e nella cura delle cardiopatie, con punte di eccellenza per quanto riguarda la cardiopatia ischemica, le cardiopatie valvolari, le aritmie e lo scompenso. Rimangono comunque ampi spazi di miglioramento nella prevenzione. Basti pensare che, in Italia, i fumatori raggiungono il 23% della popolazione, il 46% delle persone è in eccesso di peso e il 40% non pratica alcuna attività fisica. Per quanto riguarda i giovani i dati non sono certo incoraggianti: due ragazzi su tre fumano e mangiano in maniera scorretta e uno su tre è sovrappeso. E' indispensabile quindi diffondere la cultura della prevenzione per indurre la popolazione, specie giovanile, ad adottare stili di vita più corretti.

La campagna è sostenuta anche dalle squadre della serie A del campionato di calcio, che il 16 febbraio dedicheranno alla “salute del cuore” la 24ma giornata di campionato. A sostegno dell’iniziativa anche la Figc-Federazione italiana gioco calcio attraverso il commissario tecnico della Nazionale Cesare Prandelli che partecipa con uno spot come testimonial della campagna. L' evento "Al cuor non si comanda" è inoltre l’occasione per una raccolta fondi da dedicare alla ricerca e alla prevenzione cardiovascolare: per tutta la settimana si potrà donare 1 euro inviando un SMS solidale al 45595 oppure 2 o 5 euro chiamando da rete fissa. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità