Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:12 METEO:PISA20°24°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Stano oro nella 20 km di marcia: relax in palestra prima del via

Lavoro martedì 25 febbraio 2014 ore 15:18

Maltempo, un milione e 300mila euro solo per argini e sponde

Pisa inizia i lavori, ma per Pieroni "serve programmare, non solo sistemare le ferite". E si chiede: "Chi lo farà senza Province?"



PISA — “Siamo ancora una volta a risanare le ferite. Si deve invece, assumere la necessità politica di prevenire i danni, investendo sulla manutenzione del territorio, con risorse adeguate".
Ne è convinto il presidente della provincia di Pisa Andrea Pieroni, mentre annuncia lavori per un milione e 300mila euro sui territori colpiti delle recenti alluvioni.
"Le nostre risorse - prosegue Pieroni - sono ormai esaurite: ne servono di straordinarie già solo per superare questa situazione, pena la paralisi dell’intera attività dell’amministrazione e, prima ancora, l’impossibilità di far fronte a agli stessi interventi d’emergenza. Inoltre, c’è una domanda che incombe: quando le Province non esisteranno più, chi si occuperà di queste materie? In questo ambito un vuoto di competenze non è possibile”.

Gli interventi riguarderanno le opere di difesa idraulica del territorio (argini, sponde, casse d’espansione). Ad approvare il programma è la Provincia di Pisa, che ha assunto la titolarità dei lavori di ripristino delle strutture danneggiate: varati in regime di somma urgenza, saranno realizzati parte in gestione diretta, parte avvalendosi dell’opera del Consorzio di Bonifica Valdera.

Costerà 190mila euro il ripristino dell'arginatura a La Bianca (comune di Peccioli), 220mila quello della cassa d’espansione di Selvatelle (comuni di Peccioli e Terricciola), 120mila l'arginatura (erosioni di sponda) della traversa idraulica di Peccioli (comuni di Peccioli e Terricciola).
Riprofilare le sponde e ricostruire le golene del fiume Tora, a Colliromboli (comune di Collesalvetti), costerà 150mila euro e 120mila ne costerà ripristinare gli arginali del canale Scolmatore d’Arno (comuni di Collesalvetti e Cascina). Da sole, le arginature di sponde e cateratte nei territori di San Miniato e Montopoli costeranno 110mila euro.
Al Consorzio di Bonifica Valdera, poi, è stato affidato il ripristino degli argini del fiume Era a Camugliano (comune di Ponsacco) per oltre 251mila euro (ricostruzione strutturale) ai quali se ne aggiungono oltre 116mila per i lavori di completamento.
Affidato al Consorzio anche il ripristino degli argini del Rio Orlo a Corazzano (comune di San Miniato) per oltre 13mila euro e quello delle opere di difesa idraulica lungo il torrente Egola all’altezza di Fornacino (comune di San Miniato) per 41.318,46 euro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Parcheggi Ospedale Cisanello: dal 1 settembre il "C" a pagamento per favorire il ricambio delle auto. Accordo con i sindacati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità