Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA10°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Attualità mercoledì 01 luglio 2015 ore 07:00

Missioni di pace, via ai nuovi corsi di formazione

Andrea de Guttry: “Pronti a rendere le missioni di peacekeeping dell’Onu nelle aree difficili del mondo sempre più efficaci ed efficienti”



PISA — La Cina guarda all’Italia per le attività di formazione del personale da impiegare nelle operazioni di emergenza e di mantenimento della pace, da impiegare in zone difficili nel mondo, sotto l’egida delle Nazioni unite. 

In particolare, il Governo di Pechino ha stretto una partnership con il Sant’Anna, dove giovedì 2 e venerdì 3 luglio si recherà una delegazione della Repubblica popolare cinese di altissimo livello visiterà il Sant’Anna, per studiare forme di collaborazione. Il gruppo sarà accolto da Andrea de Guttry, direttore dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Siluppo) del Sant’Anna, ordinario di diritto internazionale e forte del riconoscimento internazionale grazie a numerosi corsi e seminari tenuti a Pechino, a favore della controparte cinese. 

La delegazione cinese che visiterà il Sant’Anna sarà guidata dal generale Cui Zhikun, presidente della People’s Armed Police Academy del Ministero della difesa cinese; tra le altre personalità da segnalare la presenza del colonnello Gao Zingmann, direttrice della scuola nazionale di peacekeeping della polizia cinese.

L’incontro del 2 e del 3 luglio si inserisce nel progetto di collaborazione in corso tra il Sant’Anna e l’Accademia di polizia della Repubblica popolare cinese, per migliorare le conoscenze reciproche nel settore della formazione e della ricerca sulle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni unite. Dopo un periodo di scarso interesse vero questo tipo di operazioni, la Cina ha cambiato atteggiamento negli ultimi anni ed è diventata assai attiva, fornendo contingenti di forze armate e di polizia, per partecipare a missioni delle Nazioni unite in scenari “caldi”, come quelli della Liberia, del Sud Sudan, di Haiti. Questa maggiore presenza cinese ha indotto il governo a lanciare un programma di formazione specifico per le forze armate e di polizia destinate alle missioni di peacekeeping. Da anni il Sant’Anna è in prima fila nell’assistere la Repubblica popolare cinese nelle attività di formazione e, in questo contesto, si colloca la ricca attività di docenza del prof. Andrea de Guttry in Oriente.

“La visita della delegazione cinese – sottolinea de Guttry nell’annunciare il suo arrivo - rappresenta un forte segnale di riconoscimento per le attività sinora svolte dal Sant’Anna e un tentativo di rafforzare in maniera ulteriore la già proficua cooperazione bilaterale. Il Sant’Anna è pronto a sviluppare la cooperazione in essere con i colleghi cinesi, per rendere le missioni delle Nazioni unite sempre più efficaci ed efficienti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un servizio da anni sperato e invocato dai residenti del litorale. Il cantiere, partito in questi giorni, dovrebbe durare 6 mesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Attualità