Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Attualità giovedì 13 agosto 2020 ore 09:00

Cementificio, parere contrario di Coldiretti

Coldiretti Pisa presenta le sue osservazioni contro il progetto del cementificio di Orciano:" No allo stoccaggio di rifiuti mascherato"



ORCIANO PISANO — Coldiretti Pisa si schiera con i cittadini e l’amministrazione di Orciano contro il progetto di ampliamento di stoccaggio di rifiuti industriali, proposto dalla società Cal.Me di Catanzaro. Il 14 agosto scadono i termini per presentare i contributi alla Regione Toscana e Coldiretti Pisa annuncia di aver presentato le proprie osservazioni, esprimendo parere contrario.

"Il progetto del cementificio non convince da nessun punto di vista", afferma il presidente di Coldiretti Pisa Fabrizio Filippi. "L’aumento del quantitativo di rifiuti stoccati, con il passaggio da 3.500 tonnellate/annue a 115.100 tonnellate/annue è a nostro avviso incompatibile con la vocazione agricola del territorio. Di questo materiale circa 70.000 tonnellate/annue sono scorie, fanghi e ceneri che provengono dalle più disparate industrie - da quella siderurgica a quella chimica e cartaria - in percentuali ad oggi non chiare".

Dal punto di vista ambientale, aggiunge Filippi, "il territorio è già caricato del peso della discarica di Scapigliato, dell’autostrada e dell'elettrodotto. Il Genio civile ha inoltre fatto notare che attualmente le acque di scarico dell’impianto confluiscono nel Rio Botrone, e ci domandiamo, dato che non sono previste modifiche alla gestione di queste acque, se non ci siano rischi di contaminazione dati dallo stoccaggio dei rifiuti".

"Non entriamo nel merito del progetto industriale - dice ancora Filippi - ma abbiamo seri dubbi sulla ripartenza di un'attività ormai ferma da qualche anno". L’amministrazione di Orciano ha detto chiaramente no e così stanno facendo molti cittadini e associazioni. "Chiediamo che la pratica venga esaminata con attenzione - conclude Filippi - senza scorciatoie di sorta, perché possa emergere con chiarezza l’incompatibilità di questo progetto con la vocazione agricola di Orciano".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tanti sono i casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in provincia di Pisa, dove si registrano anche due nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giancarlo Chiellini

Giovedì 27 Gennaio 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Sport