Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:59 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, le immagini delle nuove esercitazioni militari con i missili Kalibr

Cronaca mercoledì 22 aprile 2020 ore 08:30

Abbattuti immobili fatiscenti

Litorale, prosegue l’azione antidegrado. Il Comune, dopo l’abbattimento della baracca, rimuove altri due immobili fatiscenti a Calambrone



PISA — Prosegue l’opera di riqualificazione del litorale pisano, con il progressivo abbattimento di tutti quei manufatti di proprietà comunale che rappresentano elementi di degrado per lo stato fatiscente in cui versano ormai da molti anni. Dopo la demolizione delle prime tre strutture avvenuta a maggio 2019 sul litorale (un chiosco in via Litoranea di fronte al Bagno Marco Polo, un manufatto sul viale del Tirreno sul lato mare, un altro chiosco sulla via Litoranea davanti al Campeggio Internazionale) e la rimozione della baracca di Calambrone che fece da scenario alla morte della piccola Samantha (completata a fine marzo), la Giunta Comunale ha stabilito la demolizione di altri due immobili di proprietà del Comune di Pisa in zona Calambrone che versano in stato di fatiscenza da molti anni.


Le strutture, ormai diventate pericolose sia da un punto di vista strutturale che sotto l’aspetto della mancanza di igiene e di decoro ambientale delle aree coinvolte, si trovano all’interno della Tenuta del Tombolo, uno in via dei Porcari e l’altro in via della Cornacchia. "Da verifiche effettuate nell’ambito della ricognizione del patrimonio comunale - spiega il vicesindaco Raffaella Bonsangue - è emersa la mancanza di conformità edilizia di alcuni fabbricati. Gli immobili, uno dei quali era in passato un maneggio per attività di equitazione, versano in condizioni di degrado tale da non poter essere alienati. Saranno quindi demoliti appena possibile con la collaborazione di Pisamo, mantenendo la cubatura originaria e non escludendo la previsione di una di una nuova e diversa destinazione d’uso, più rispondente agli interessi pubblici. Una decisione che risponde ad una gestione efficiente e non meramente conservativa del patrimonio del Comune nell’ottica di una sua concreta riqualificazione".

“Uno degli obiettivi prioritari della nostra Amministrazione - aggiunge l’assessore all’ambiente Filippo Bedini - è stato fin dall’inizio del mandato l’eliminazione di tutti i contesti di degrado presenti sul territorio comunale. Dopo gli abbattimenti dei casottini, uno dei quali tristemente noto per la drammatica vicenda di cronaca del 2016, prosegue la nostra lotta la degrado "storico", che anni di trascuratezza amministrativa avevano fatto stratificare. Ad ogni rimozione dei manufatti segue l’azione di bonifica ambientale delle aree, con connessa rimozione del materiale e smaltimento dell’amianto spesso contenuto nelle strutture. Con la demolizione di questi altri due immobili portiamo avanti un intervento più complessivo di recupero del decoro ambientale sul litorale, un'azione fondamentale per restituire a questa parte del nostro territorio l'antico splendore e la valorizzazione ambientale che giustamente merita.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso a 75 anni Massimo Bendinelli. Per anni ha gestito il negozio di forniture elettriche in piazza Guerrazzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità