Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PISA21°31°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rissa in campo tra Hajduk e Fenerbahce: i tecnici Gattuso e Mourinho corrono in campo per sedare gli animi
Rissa in campo tra Hajduk e Fenerbahce: i tecnici Gattuso e Mourinho corrono in campo per sedare gli animi

Attualità sabato 11 marzo 2023 ore 16:41

In un anno 30 aggressioni al personale sanitario

L'Azienda ospedaliera universitaria rende noti i risultati di una indagine condotta tra il personale dell'ospedale e del pronto soccorso



PISA — Nel 2022 di sono verificati 30 episodi di aggressione contro il personale sanitario dell'Aoup. E’ quanto emerso dal convegno “Non più soli: analisi del fenomeno delle aggressioni in ambiente lavorativo con un Focus sulla dimensione di genere” che si è svolto ieri in occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari.

L'Aoup, per mezzo di una nota, illustra i risultati dell'indagine, condotta attraverso due diversi tipi di questionari: uno somministrato a tutti i dipendenti dell’Aoup (a cui hanno risposto circa 700 persone) e uno somministrato al personale del pronto soccorso, al quale ha aderito il 70 % degli operatori tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari.

"Dai dati raccolti nel 2020 - si legge nella nota dell'Aoup- il pronto soccorso, come in altre realtà, risulta il luogo a maggior rischio di aggressioni, specialmente negli orari pomeridiani e notturni. Nel 2022, sono stati segnalati in Aoup 30 episodi di aggressione (di cui 5 al Pronto soccorso), 21 dei quali a carico di donne (13 infermiere, 4 oss e 3 medici). Il numero certamente potrebbe essere sottostimato rispetto alle dimensioni reali del fenomeno poiché non tutti gli episodi vengono ancora segnalati".

L'analisi illustra poi le cause più comuni. "Alla base di questi episodi - sottolinea l'Aoup- spesso troviamo difetti di comunicazioni tra utente e operatore, tempi di attesa ritenuti troppo lunghi, mancanza di informazioni adeguate. Un'adeguata conoscenza delle cause è necessaria per implementare le azioni necessarie per prevenire e ridurre questo fenomeno, come ad esempio implementare al Pronto soccorso l'informazione con infografiche che illustrino i nuovi criteri di assegnazione della priorità di accesso (i numeri al posto dei colori) con relativa tempistica di presa in carico, pannelli luminosi che informino sia i pazienti sia i familiari sui tempi di attesa, in base all'afflusso di quelli in visita, tutte azioni già previste e in fase di adempimento".

Sempre nell'ottica di garantire una maggiore sicurezza, l'azienda annuncia che a breve sarà istituito anche un numero telefonico per il pronto intervento delle Guardie giurate in servizio in ospedale ed è in corso anche un confronto con la Prefettura e le forze di polizia per mettere a punto un protocollo operativo, come previsto dalla Legge 113/2020.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A Castelmaggiore, sino a metà di Novembre, il parcheggio di via Fienilaccio sarà inutilizzabile a causa dei lavori di consolidamento da 200mila euro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità