Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PISA15°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Politica mercoledì 13 settembre 2023 ore 10:30

Auletta, "Sia reso pubblico lo studio sulla base"

L'area ex CISAM

Il consigliere accusa la maggioranza di voler silenziare il dibattito e chiede trasparenza. Rifondazione: "Convergenza tra destra e centrosinistra"



PISA — Continua la protesta da parte delle forze schierate per il no al progetto di base militare diffusa, che dovrebbe interessare l'area dell'ex CISAM, a San Piero a Grado, e la Tenuta Isabella nel territorio comunale di Pontedera.

Tra i principali oppositori c'è il consigliere comunale Ciccio Auletta, capogruppo di Diritti in Comune, che accusa la maggioranza che sostiene il sindaco Michele Conti di silenziare il tema. "Mettono il bavaglio al Consiglio comunale - ha detto - è stata infatti bocciata dalla destra la nostra richiesta di calendarizzazione di una seduta per discutere della base, che centrodestra e centrosinistra vogliono realizzare nel cuore del Parco di San Rossore".

"Si tratta di un fatto gravissimo - ha aggiunto - di fronte ad un intervento di questa portata si silenzia l'assemblea cittadina impedendole di discutere. Da una parte la capogruppo della lista civica del sindaco si è opposta perché contraria a fare troppi Consigli comunali, dall'altra il capogruppo di Fratelli d'Italia ha spiegato che non c'è nulla da discutere perché tutto è già stato deciso e questo accordo è un successo straordinario. Ancora una volta siamo di fronte a un atteggiamento di arroganza che azzera gli spazi di democrazia".

Auletta, inoltre, ha chiesto di rendere noto lo studio di pre fattibilità illustrato e approvato a Roma lo scorso 6 Settembre, appellandosi direttamente ai sindaci interessati e ai due presidenti di Provincia, quella di Pisa Massimiliano Angori e quella di Lucca Luca Menesini.

Del resto, saranno proprio alcuni di loro, nei prossimi giorni, a doversi esprimere per conto dell'Ente Parco. "Lunedì 18 settembre la Comunità del Parco, a cui partecipano Angori per la Provincia e come sindaco di Vecchiano, Conti e il sindaco Di Maio per San Giuliano Terme, dovrà votare l’approvazione o meno del progetto - ha commentato Giovanni Bruno, segretario provinciale di Rifondazione Comunista - stavolta, i sindaci del centrosinistra e il Partito Democratico nel suo insieme non potranno cavarsela con la mera propaganda".

"Presentare il progetto di cui i dettagli sono ancora sconosciuti come una vittoria rispetto a quello originale a Coltano è un’indecente mistificazione - ha aggiunto - avallare la trasformazione di un patrimonio ambientale prezioso e delicatissimo per la cittadinanza e il territorio in un enorme snodo militare, che comprende un’area da Tombolo a San Rossore, da Camp Darby al CISAM, dal porto di Livorno all’aeroporto militare di Pisa sarebbe una decisione criminale, che sancirebbe una volta di più la sostanziale convergenza tra destre e centrosinistra nelle scelte militariste e filoatlantiste".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Investimento da 730mila euro che riqualifica lo spazio di piazza papa Giovanni XIII di Pontasserchio: nuova illuminazione e ripavimentazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità