Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:PISA17°24°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 20 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pallavolo maschile, l'Italia è campione d'Europa: il punto decisivo e l'esultanza

Cronaca mercoledì 24 febbraio 2021 ore 12:50

Botte e minacce agli operai della fibra ottica

L'aggressione è avvenuta in pieno centro. Ragazzo di 27 anni denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, minacce aggravate e percosse



PISA — Avrebbe minacciato e aggredito due operai prima di essere neutralizzato dalla polizia con lo spray al peperoncino.

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio in via del Borghetto. Da qui due operai che si trovavano sul posto per lavori legati alla fibra ottica, hanno chiamato il 113 riferendo di essere stati minacciati e presi a pugni da un uomo che, dopo essere stato respinto, sarebbe persino tornato brandendo la catena di una bicicletta.

La polizia intervenuta sul posto ha rintracciato il presunto aggressore, un 27enne già noto alle forze dell'ordine, che ha opposto resistenza ai poliziotti tanto da costringerli ad usare lo spray al peperoncino per renderlo temporaneamente inoffensivo.

Il 27enne è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, minacce aggravate e percosse.

Il giovane non ha voluto spiegare il motivo della sua ostilità nei confronti dei due operai, e perché si sia ribellato anche alla vista dei poliziotti. L'ipotesi della questura è che li abbia erroneamente ritenuti intenti a piazzare strumenti tecnologici per conto della polizia per contrastare l’attività di spaccio in zona.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Rotatoria tra la Strada Vicarese e via dei Condotti: le modifiche al traffico in vigore da lunedì 20, per permettere l'installazione del cantiere
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca