Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:25 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Emissioni di CO2: l'impatto di internet, cloud e streaming sul riscaldamento globale e come ci ingannano i big del web

Attualità lunedì 06 aprile 2020 ore 18:00

Buoni alimentari, già accolte 147 richieste

La consegna dei buoni spesa della solidarietà scatterà già da domani, per 70 famiglie pisane in grave difficoltà economica per l'emergenza coronavirus



PISA — Nel primo giorno utile all’accoglimento delle richieste per i buoni alimentari sono state alcune centinaia le telefonate ricevute dagli operatori del Comune di Pisa: 147 le domande accolte, 306 le richieste pervenute tramite mail che saranno lavorate in back office, 70 le famiglie pisane che già domattina riceveranno i buoni, per una cifra totale di 20.450 euro. Buoni nominativi e numerati progressivamente che saranno consegnati direttamente a domicilio dalla Polizia Municipale. La distribuzione avverrà fino a esaurimento delle risorse.

Solo in casi straordinari e motivati la consegna e il ritiro dell’autocertificazione potrà essere effettuato di persona (previo concordato appuntamento). Gli operatori del Comune (agenti di Polizia Municipale, messi comunali e altri) si presentano a casa con l’autocertificazione precompilata. Il cittadino farà trovare pronta copia del suo documento di identità oppure il documento di identità da mostrare all’incaricato.

"Si ricorda che i Buoni Alimentari sono riservati ai nuclei familiari che hanno subìto una riduzione di entrate economiche a seguito dell’emergenza Coronavirus - hanno ribadito dal Comune - e rientrano nell’ambito degli interventi urgenti di solidarietà previsti dalla Ordinanza del 29 marzo scorso del Dipartimento della Protezione civile, che assegnano al Comune di Pisa 471mila euro".

Contatti telefonici e mail. Per venire incontro alle esigenze dell’utenza, sono state attivate undici linee telefoniche (divise in tre zone, Pisa centro, Riglione-Oratoio-Putignano e Litorale) a cui risponderanno altrettanti operatori per coadiuvare i richiedenti nella compilazione del documento di autocertificazione. Altrimenti è stata creata una apposita casella di posta elettronica (buoni@comune.pisa.it) per inoltrare la domanda. Si potrà chiamare tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00. Soltanto lunedì 6 aprile il servizio inizierà alle ore 11.00.

Questi numeri: Pisa centro (t. 050910349, t. 050910403, t. 050910518, t. 050910257, t. 050910320, t. 050910311, t. 050910325, t. 050910634, t. 050910547), Riglione, Oratoio, Putignano (t. 0503161398), Marina, Calambrone, Tirrenia (t. 05036307).

Il Buono Alimentare prevede l’acquisto esclusivo di beni alimentari. Ha un importo variabile a seconda dei componenti il nucleo familiare: da 150,00 euro (1 persona) a 300,00 (2 persone), 400,00 euro (3 persone), altri 50,00 euro per ogni persona in più oltre la terza. Viene riconosciuto un solo Buono per nucleo familiare, può essere speso entro il termine del 15 maggio 2020 nei negozi convenzionati. Al momento sono già una trentina e l’elenco, oggetto di aggiornamento nei prossimi giorni, è pubblicato sulla scheda sul sito del Comune.

I beneficiari Possono presentare richiesta i soggetti componenti nucleo familiare, la cui composizione anagrafica deve risultare all’Ufficio Anagrafe al 29 marzo 2020.

Sono esclusi i nuclei nei quali sia presente:

uno o più stipendi derivante da impiego pubblico o privato, effettivamente percepito;

uno o più membri beneficiano di cassa integrazione;

uno o più membri siano titolari di Reddito di Cittadinanza o altro sussidio pubblico;

un reddito pensionistico;

redditi derivanti da rapporti di locazione di immobili di proprietà;

alla data del 31 marzo 2020, una giacenza complessiva (per nucleo) nei conti correnti superiore a: € 6.000 per famiglia; ciò a meno che il conto corrente sia “congelato” o il titolare non si trovi nella indisponibilità temporanea dei propri beni.

Mentre sono ammessi i nuclei con lavoratori autonomi, o liberi professionisti, che abbiano perso oltre il 30 per cento dei ricavi mensili nel mese di marzo, sempre che non siano esclusi per i motivi sopra indicati. Il richiedente dovrà autodichiarare la propria condizione compilando un modulo di autocertificazione che potrà scaricare dal sito del Comune. La domanda sarà consegnata firmata al momento della consegna dei Buoni Alimentari.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità