Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Attualità martedì 06 dicembre 2016 ore 17:35

Sandra Capuzzi si dimette dalla segreteria Pd

Sandra Capuzzi

L'assessora: "Abbiamo perso la capacità di dialogare con il territorio. Il partito deve essere ricostruito in modo unitario"



PISA — La decisione arriva a due giorni dalla vittoria del no al referendum Costituzionale. Sandra Capuzzi, assessore al sociale del Comune di Pisa e presidente della Società della salute zona pisana, si è dimessa dalla segreteria provinciale del Pd.

Alla base di questa decisione c'è la volontà di ripensare il partito. "Il dato emerso a Pisa (il 55 per cento degli elettori si è espresso contrario alla riforma costituzionale) è un dato chiaro -commenta Capuzzi- Abbiamo perso la capacità di dialogare con il territorio e non siamo riusciti a convincere gli elettori che la proposta era giusta e sensata. Le segreterie, sia quella provinciale che cittadina non hanno fatto un granché. Si erano date degli obiettivi per ricostruire un partito unitario e invece questo non è avvenuto. C'è stato un galleggiamento complessivo che alla fine mi ha portato a questa decisione".

"Se devo fare una sintesi - chiosa l'assessora- in questo anno di segreteria, a causa delle contrapposizioni interne, sono mancati temi e contenuti. Abbiamo bisogno di fare più politica, di stare in mezzo alla gente".

"Renzi -prosegue Capuzzi- ha preso atto della sconfitta, dobbiamo ripartire. Ritengo utile cominciare a ricostruire il partito e farlo in modo unitario. Non è il momento dello scontro e delle contrapposizioni. Abbiamo già perso Cascina, ora bisogna darsi obiettivi diversi".

Capuzzi analizza poi il risultato referendario pisano: "Credo che il risultato sia dipeso, oltre che dal malcontento generale, anche da una campagna referendaria non ben organizzata, forse era necessario coinvolgere di più i circoli, le assemblee, illustrare meglio i contenuti della riforma. In questo referendum Matteo Renzi è stato il protagonista assoluto. A Pisa abbiamo perso delle opportunità, perché se a Pisa avesse visto il sì probabilmente saremmo riusciti a dare una idea di cambiamento e una svolta che a questo territorio oggettivamente serve. Probabilmente il risultato è stato anche frutto di scelte politiche sbagliate"

"A Pisa c'è un segnale preoccupante e riprendere il rapporto con il territorio è fondamentale -aggiunge Capuzzi- Mi sono dimessa perché ritengo si debba tornare a dialogare, serve un cambio di passo nel partito provinciale e cittadino, serve una capacità interlocutoria che unisca le persone anziché dividerle"

La maggior parte del no a Pisa  -analizza l'assessora al sociale- è stato credo più un no contro Renzi che un no contro la riforma. Forse se le persone ne avessero letto meglio i contenuti ne avrebbero anche capito le sfumature. Non era una riforma perfetta, ma permetteva di ripartire e di dare spunti innovativi che oggi saranno più difficili da raggiungere".

"Bisogna leggere i risultati elettorali e politici -conclude-  e fare una riflessione. Per questo spero e chiedo che vengano convocate le direzioni delle segreterie cittadina e provinciale. La città di Pisa vota tra un anno e mezzo e ancora manca una idea delle alleanze da portare alle elezioni".

Linda Giuliani
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità