Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:50 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Letta «Queen maker» scopre le carte: ecco chi è il primo identikit del Pd per la corsa al Colle

Cronaca martedì 09 marzo 2021 ore 16:15

Covid, primi trattamenti con anticorpi monoclonali

Il professor Francesco Menichetti

Primo ospedale in Italia, Cisanello ha avviato la sperimentazione. L'annuncio dal professor Menichetti. Ma la vera speranza restano i vaccini



PISA — In Toscana oltre 1.400 persone attualmente ricoverate per Covid, 209 delle quali assistite in terapia intensiva. A Pisa 1.300 ricoveri in un anno di pandemia e contagi che tornano a salire, contando oggi 183 positivi su 100mila abitanti. "Numeri impietosi" ha esordito il dottor Francesco Menichetti ospite del consiglio comunale, professore ordinario di Malattie infettive e direttore dell’Unità operativa complessa di Malattie Infettive, annunciando però che a Cisanello, primo ospedale in Italia, sono stati trattati i primi due pazienti Covid con anticorpi monoclonali.

"Non e' l'arma fine-mondo" ha subito messo in guardia il professore, che ha comunque parlato degli anticorpi monoclonali come un prezioso strumento in più nella lotta alla Covid, soprattutto se presa precocemente. Le più grandi speranze sono però risposte nei vaccini: "In undici mesi è avvenuto il miracolo della scienza" così Menichetti in proposito.

Il responsabile di Malattie Infettive di Cisanello non ha negato tutte le difficoltà che comporta una campagna vaccinale di massa - forniture, aspetti regolatori, complessità dell'organizzazione - ma "adesso tocca a noi, come singoli e come comunità", ha sottolineato, auspicando l'impegno di tutti nel rispettare le regole del distanziamento sociale e lo sforzo massimo dei governi, a livello locale, regionale e nazionale, per velocizzare il più possibile le vaccinazioni.

Cisanello è il primo ospedale in Italia, hanno poi fatto sapere dalla Aoup, in cui oggi è partita ufficialmente la somministrazione sui pazienti dell’anticorpo monoclonale Astrazeneca contro il Covid-19, nell’ambito della sperimentazione clinica mondiale avviata dal colosso farmaceutico (che coinvolge 5 centri in Italia e un centinaio di ospedali nel mondo), riservata a pazienti pauci-sintomatici e in fase precoce di malattia, per evitarne la progressione.

"Venerdì scorso - hanno spiegato dall'Azienda ospedaliero universitaria pisana - era arrivato il farmaco nella farmacia ospedaliera e, avendo completato tutti i passaggi procedurali previsti, con l’approvazione da parte del Comitato etico di area vasta nord-ovest, l’Ospedale di Cisanello ha avuto per primo il via libera per arruolare pazienti nello studio. Così, non appena sono state individuate due persone Covid-positive con le caratteristiche cliniche idonee e che hanno fornito il consenso a partecipare, la sperimentazione clinica è partita. Dopo iniezione di fiala intramuscolo all’Edificio 13, nell’area dedicata dell’Unità operativa di Malattie infettive, sono stati tenuti in osservazione e poi dimessi. Ora saranno monitorati in remoto dal team degli infettivologi sull’evoluzione della patologia".

Il promotore dello studio è l’Aoup nella persona del professor Francesco Menichetti, direttore delle Malattie infettive nella veste di PI-Principal investigator, coadiuvato dal professore Marco Falcone e da un team di medici e infermieri dell’Unità operativa di Malattie infettive e la sperimentazione clinica è controllata, in cosiddetto “doppio cieco” (randomizzazione causale), nel senso che i pazienti possono ricevere l’anticorpo o il placebo.

“E’ un’ottima notizia che sia partito anche questo binario parallelo nella battaglia contro il Covid-19 che stiamo conducendo con la campagna vaccinale – ha commentato l’assessore regionale Simone Bezzini – perché questi monoclonali intercettano pazienti con patologia lieve che, in questo modo, vengono inseriti in un altro fronte importante per combattere questa pandemia, consapevoli che servirà ancora impegno da parte di tutti per arrivare fiduciosi all’immunizzazione di tutta la popolazione”.

A breve, hanno concluso dalla Aoup, verrà allestita all’Edificio 13 un’area ambulatoriale dedicata proprio alla sperimentazione degli anticorpi monoclonali dal momento che Pisa è coinvolta anche nell’imminente avvio della sperimentazione di fase 3 del farmaco messo a punto dal team di ricerca del professore Rino Rappuoli con la Fondazione Toscana Life Science e presto arriveranno anche i monoclonali prodotti da Regeneron Roche e Eli Lilly, sui quali si attendono però ancora da Aifa indicazioni per l’utilizzo clinico.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati fotografano le ultime ventiquattro ore sul fronte epidemico. Il punto sui ricoveri nelle aree Covid di Cisanello e Santa Chiara
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Cenci

Lunedì 29 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità