Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:22 METEO:PISA15°25°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
No-vax contesta Letta e interrompe il comizio a Trieste: «Il vaccino è libertà?»

Attualità mercoledì 04 luglio 2018 ore 06:35

Gli addetti Acque non bussano alla porta

Partecipato incontro a Putignano, promosso dal gestore idrico, per capire come difendersi dalle truffe dei falsi addetti e venditori



PISA — I consigli per evitare di ritrovarsi vittime di un raggiro. Le raccomandazioni a contattare i numeri utili nei casi in cui si abbia la sensazione di essere davanti a un tentativo di truffa. L’invito ai cittadini ad attivarsi in un prezioso passaparola, affinché il messaggio di prevenzione circoli in modo efficace tra la popolazione. L’edizione 2018 di “Acque non bussa alla porta”, la campagna informativa di Acque SpA rivolta agli utenti del Basso Valdarno per difendersi dalle truffe dei falsi addetti, ha fatto tappa a Pisa, precisamente al Circolo Arci di Putignano, dove lunedì pomeriggio si è svolto un partecipato incontro pubblico.

All’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’Arci e con le associazioni di categoria dei pensionati (Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp), sono intervenuti Giuseppe Sardu e Paola Bellini, rispettivamente presidente e direttore commerciale di Acque SpA, e Michele Conti, sindaco di Pisa, che ha così partecipato a uno dei suoi primi incontri pubblici in veste di primo cittadino. 

Coordinati dal giornalista Massimo Marini, gli ospiti hanno fornito preziosi consigli ai presenti per contrastare le truffe dei falsi addetti, fenomeno tanto più odioso poiché spesso perpetrato ai danni di persone sole e anziane. Sullo sfondo, il racconto di esperienze quotidiane ed esempi che hanno rafforzato l’obiettivo di fare “fronte comune” contro le truffe.

“La regola è semplice - ha spiegato il presidente Sardu - gli addetti di Acque non chiedono mai di entrare all’interno delle abitazioni: né per controllare la qualità dell’acqua, né per verificare il funzionamento dell’impianto interno, né perché c’è da pagare una bolletta. Mai. Chi insiste per farlo, magari con la scusa di un’emergenza, potrebbe essere in realtà un truffatore: un falso addetto, appunto. Se qualcosa non vi torna, non fatevi scrupoli: chiamate subito un conoscente, le forze dell’ordine o il nostro call center” 

Il sindaco Conti ha avuto parole di apprezzamento per l’iniziativa, poiché “punta a informare i cittadini in modo diretto, dal vivo, riducendo la distanza che talvolta può generarsi tra cittadini, enti e servizi pubblici”. Inoltre, ha sottolineato l’importanza della sinergia tra istituzioni, forze dell’ordine e associazionismo, al fine di contribuire congiuntamente al miglioramento della qualità della vita e al senso di sicurezza della comunità.

Su www.acque.net/acque-non-bussa-alla-porta sono disponibili il calendario dei prossimi incontri, i materiali e i contenuti della campagna.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo aggiornamento sul fronte dell'epidemia. I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore dal bollettino regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità