Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Attualità lunedì 08 febbraio 2021 ore 08:00

"Città per le persone, non per le auto"

La manifestazione di Greenpeace e Fiab Pisa in Borgo Largo

Per Greenpeace e Fiab il Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) va nella direzione opposta a quella prefissata nello stesso enunciato



PISA — Un po' come nel famoso libro 1984 di Orwell - dove il Ministero della Pace in realtà fa la guerra -, secondo Greenpeace e Fiab Pisa con il Pums, il Piano urbano della mobilità sostenibile, il Comune di Pisa andrà verso l'esatto opposto, "togliendo spazio alle biciclette" e "ampliando lo spazio per le auto".

Da queste considerazioni la manifestazione andata in scena sabato, per "riportare" i parcheggi per le bici nei punti più centrali e frequentati del centro storico, come Borgo Largo e via San Martino. "Una protesta simbolica - hanno spiegato - per sottolineare come a Pisa si stia, da un lato, togliendo spazio alle biciclette e dall’altro si stia ampliando lo spazio per le auto. Le rastrelliere sono indispensabili per cittadini e cittadine che hanno diritto a una mobilità sostenibile e una città libera da smog e traffico, ma per l'amministrazione pisana rappresentano un fattore di degrado, mettendo in difficoltà chi sceglie di spostarsi in bicicletta".

"La mobilitazione - hanno aggiunto - riprende le nostre osservazioni al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) adottato dal Comune di Pisa, che prevede, oltre alla nuova Variante Nord-Est, la creazione di numerosi nuovi parcheggi, anche in aree vicine al centro storico e già gravate da un'enorme mole di traffico. La creazione di nuovi parcheggi non è una soluzione che disincentiva il traffico, anzi lo incentiva: attira ulteriore traffico in quartieri a ridosso del centro e rappresenta un ulteriore consumo di suolo, convertendo aree attualmente verdi". 

Durante l’attività è stato aperto uno striscione con il messaggio “Città per le persone, non per le auto”: "Riteniamo cruciale spostare il focus degli investimenti dal trasporto privato al trasporto pubblico al fine di renderlo accessibile a tutte e a tutti, promuovere la mobilità ciclistica e pedonale (e relative infrastrutture). Le amministrazioni locali devono ripensare il modo in cui le persone si spostano nelle città, i luoghi con il più alto livello di emissioni di gas serra e al contempo i più gravi problemi di inquinamento atmosferico e problemi di salute connessi".

Secondo la Fiab Pisa “sarebbe opportuno approfittare di questo periodo in cui la morsa del traffico si è allentata per ripensare la distribuzione dello spazio urbano dando la priorità alla mobilità sostenibile, in modo da ripartire col piede giusto quando l'emergenza sarà passata”.



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bollettino sanitario fotografa la situazione sul fronte epidemico. Ecco la distribuzione delle nuove positività in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità