comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 18°23° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 07 giugno 2020
corriere tv
Incidente Arezzo, al Tg1 le immagini dell'auto che sbanda prima dell'impatto

Attualità giovedì 30 maggio 2019 ore 14:58

I detenuti a scuola di teatro

Con due spettacoli de "I Sacchi di Sabbia", rivolti alla popolazione carceraria, si chiude l’anno 2018-201919 della Scuola di Teatro Don Bosco



PISA —  Si è concluso il percorso annuale della Scuola di Teatro Don Bosco. Dopo la rappresentazione de La Tempesta di Shakespeare – spettacolo che ha visto insieme sulla scena gli allievi detenuti e gli studenti della Scuola Normale Superiore – il palcoscenico della casa circondariale ha ospitato anche due spettacoli della compagnia “I Sacchi di Sabbia” che, grazie al contributo di Fondazione Pisa e Regione Toscana, da anni cura questo progetto.

La due giorni, è stata inaugurata il 22 maggio con “Andromaca” da Euripide, rivisitazione della tragedia greca in chiave ironica. A seguire, il 28 maggio al Don Bosco si è inscenata “I Dialoghi Degli Dei”, dall’opera di Luciano di Samosata, gustosa carrellata di vizi e virtù degli abitanti dell’Olimpo in chiave contemporanea.

"Chiudere con due classici, rappresentati da professionisti - si legge in una nota- chiosa perfettamente il percorso annuale della Scuola, che ha visto una quarantina di allievi detenuti elaborare, coadiuvati dai normalisti, due testi antichi di grande importanza, “Gli Uccelli” di Aristofane e “La Tempesta” di Shakespeare".

"La scuola- commenta Francesca Censi, coordinatrice del progetto, attrice e animatrice storica, con Paolo Pierazzini della Compagnia del Lux -  è prima di tutto un luogo di confronto umano e culturale dove le allieve e gli allievi possono fare esperienza di socialità e comunicazione attraverso il linguaggio del teatro, della letteratura e della poesia”.

"Il progetto - sottolinea Gabriele Carli de I Sacchi di Sabbia -  ha dato buoni risultati sia dal punto di vista della partecipazione, con quaranta allievi l’anno, tra detenuti e detenute, sia dal punto di vista rieducativo. E’ stato infatti rilevato, dall'Area Pedagogica dell'Istituto, che attraverso la pratica teatrale e il confronto con il gruppo, i detenuti -in particolare quelli con problemi di tossicodipendenza- sono riusciti a far emergere capacità e competenze mai utilizzate prima”.

Ogni ciclo di lavoro, ha previsto una performance finale dei detenuti aperta a un pubblico composto dal resto della popolazione carceraria dell'Istituto. Censi e Carli sono stati coadiuvati da Carla Buscemi, giovane allieva della Compagnia.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità