Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Lavoro mercoledì 08 gennaio 2020 ore 17:31

I precari della ricerca scendono in piazza

Una recente protesta dei ricercatori precari

Domattina in Piazza Dante si svolgerà l'assemblea pubblica dei precari della ricerca e delle università pisane, appello a tutti



PISA — Domani, giovedi' 9 gennaio, a partire dalle ore 11, in Piazza Dante si svolgerà l'assemblea pubblica dei precari della ricerca e delle università pisane, in relazione all'appello pubblico lanciato dal gruppo di Ricercatori Determinati e sostenuto dalle organizzazioni studentesche, dall'Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca in Italia e dalla FLC Cgil.

Ecco il testo dell'appello dei ricercatori a tempo determinato:

"Come sapete, il 25 dicembre scorso il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti si è dimesso, a fronte dell’ennesimo NO a un rifinanziamento adeguato del comparto scolastico e universitario in Legge di Bilancio. Il gesto eclatante del Ministro ha riportato l’attenzione nazionale sul problema, troppo a lungo ignorato, delle condizioni drammatiche in cui il sistema universitario e scolastico pubblico versa da troppi anni.

L’insufficienza cronica dei finanziamenti pubblici, frutto di scelte politiche deleterie ripetute negli anni, ha avuto conseguenze devastanti su tutti i livelli della formazione superiore e della ricerca in Italia. La consistente riduzione delle borse dottorali, la posizione lavorativa parasubordinata, l’assenza di un sistema di reclutamento ordinario per i gradi inferiori della carriera, un sistema di valutazione che privilegia la quantità sulla qualità dei risultati scientifici mortificano quotidianamente la nostra dignità professionale e umana. Le carriere discontinue a cui siamo costretti ci impediscono di progettare un orizzonte esistenziale stabile per dare senso ai nostri sforzi. L’incubo della ‘produzione’ scientifica genera angosce profonde e rende insopportabili i nostri ritmi di lavoro. Sappiamo bene quale prezzo tutti noi stiamo pagando, non soltanto in termini di svantaggio economico e sociale, ma anche di benessere psichico.

Da troppi anni i precari della ricerca, la categoria più colpita dalle ingiustizie strutturali del sistema universitario italiano, subiscono in silenzio scelte sbagliate. I recenti avvenimenti politici ci offrono l’opportunità di esprimere i nostri bisogni, di condividere la nostra insoddisfazione e di riconoscerci parte di una comunità unita. È ora che ci impegniamo a rivendicare in prima persona diritti troppo a lungo negati e a sensibilizzare la società italiana rispetto ai nostri temi.

Non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione storica di ripensare in forma attiva la nostra condizione: è ora di avanzare proposte politiche concrete. Per questo Ricercatori Determinati Pisa, assieme ad ADI, Link e FLC, che raccolgono l’adesione di molti di noi, ha lanciato per il 9 gennaio 2020 la mobilitazione nazionale dei precari della ricerca Per un inverno caldo.

Se condividete la necessità del rifinanziamento strutturale di Università e ricerca, della riforma del sistema di valutazione e reclutamento del personale di ricerca (compresa la soppressione dell’ANVUR), del superamento della forma contrattuale parasubordinata in favore di forme lavorative e previdenziali dignitose... allora siete chiamati a dare il vostro fondamentale contributo!

A Pisa un’assemblea pubblica si svolgerà venerdì 9 gennaio alle ore 11 in Piazza Dante. Nel frattempo, scaldiamoci e facciamoci sentire con un tweetstorm collettivo a partire dal 7 gennaio, condividendo tutti insieme l’hashtag #aqualcunopiacecaldo.

Questo sarà solo l’inizio dell’inverno caldo della ricerca italiana. Pensiamo e costruiamo insieme l’alternativa con tutti i mezzi necessari: divisi siamo niente, uniti siamo tutto!"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tanti sono i casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in provincia di Pisa, dove si registrano anche due nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giancarlo Chiellini

Giovedì 27 Gennaio 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità