Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Spettacoli lunedì 04 dicembre 2017 ore 15:12

Il film tutto pisano esce in anteprima

La produzione del film

Si tratta di "Il giocatore invisibile", con la regia di Stefano Alpini. Il lungometraggio è quasi tutto ambientato a Pisa



PISA — Un Professore universitario, Stefano Nari, docente di letteratura comparata, sta rientrando in Facoltà dopo un incontro amoroso con una studentessa dove lo attende una sgradevole sorpresa: una lettera anonima lo accusa di un clamoroso errore in cui è incorso in un suo articolo dove cita come esempio positivo di tradimento il film Il disprezzo di Jean Luc Godard.

Esce a Pisa in anteprima nazionale, al Cineclub Arsenale, il lungometraggio del regista Stefano Alpini, prodotto dallo stesso autore, da Francesco Monceri e da Maria Elena Bianchi Bandinelli per Polis Srl, con il contributo del Ministero dei Beni Culturali e del Fondo per il cinema di Regione Toscana.

Nel film, quasi interamente girato a Pisa, spicca l’interpretazione del protagonista dell’intrigo Luca Lionello, affiancato tra gli altri da Sergio Albelli, Francesco Turbanti, Paolo Cioni, Guenda Goria, Luciana Cipriani. Cui si aggiungono Cammei del Prof. Adriano Fabris, del regista Paolo Benvenuti, di Davide Riondino, nei panni di professori dell’Ateneo.

Stefano Alpini, già aiuto regista di Roberto Faenza in Marianna Ucria e Sostiene Pereira, esordisce dietro la macchina da presa con questa suggestiva trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Giuseppe Pontiggia del 1979 in cui l’oggetto originario della diffamazione, l’etimologia della parola ipocrita, è sostituito da una non felice citazione cinematografica. Questo antefatto precipiterà il protagonista in un’estenuante ricerca del colpevole che lo costringerà a mettere in discussione molte delle proprie convinzioni.

Un aneddoto. Raccontano Stefano Alpini e Francesco Monceri, che alla conclusione delle riprese hanno fatto una visita “a sorpresa” all’abitazione di Jean Luc Godard, che compare in chiusura del film, accompagnati e incoraggiati dal celebre fotografo Mario Dondero, recentemente scomparso, presso la sua abitazione sul Lago di Ginevra, riuscendo nella non facile impresa di scambiare qualche battuta col famoso regista francese.

Il film sarà proiettato dal 7 al 10 dicembre 2017 al Cineclub Arsenale di Pisa, a partire dalle 16.30. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca