Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 01 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Politica domenica 09 ottobre 2022 ore 16:30

Keu, Una Città in Comune partecipa alla staffetta

Una manifestazione no Keu in piazza Garibaldi

La biciclettata lanciata dall'Assemblea permanente No Keu viene accolta dal gruppo di minoranza: "Troppi silenzi, le nostre domande senza risposte"



PISA — L'Assemblea permanente No Keu chiama e Una Città in Comune risponde. Anche il gruppo consiliare di minoranza pisano ha accolto l'invito per una biciclettata nelle aree sotto i riflettori per la questione Keu in modo da riportare l'argomento alla ribalta.

"L'inchiesta ha messo in evidenza un intreccio tra politica, mafia e imprenditoria su cui non si può abbassare la guardia - hanno spiegato dal gruppo - uniamo così le nostre voci a quelle che in tutti questi mesi si sono mobilitate. A distanza di 18 mesi dallo scoppio del caso ci sono poche e insoddisfacenti risposte rispetto a un sistema grazie al quale i fanghi di conceria non venivano depurati, ma sparsi in diversi terreni con l'intervento della criminalità organizzata e il beneplacito di amministratori locali e regionali".

"A Pisa, grazie ad una nostra interpellanza, è emerso che la bonifica dell'area ex Vacis interessata dalla contaminazione non solo non era mai partita, ma era ed è ancora oggi del tutto bloccata - hanno aggiunto - il Tar aveva annullato l’ordinanza comunale che imponeva ai proprietari dell’area la rimozione degli inquinanti. Addirittura, Comune e Arpat erano stati condannati al pagamento delle spese legali. Eppure, erano stati riscontrati valori di cromo 50 volte superiori ai limiti".

Per questo, dopo la sentenza del Tar, Una Città in Comune si è fatta avanti con l'amministrazione. "Abbiamo chiesto a sindaco e Giunta se il Comune volesse opporvisi, quali intenzioni avessero Arpat e Regione se il Comune volesse farsi carico della rimozione dei contaminanti e quali fossero i tempi previsti - hanno ricordato - avevamo anche chiesto di portare urgentemente la questione in commissione consiliare con l’audizione della Avvocatura civica e dello stesso sindaco".

"Anche a Pontedera la situazione è grave: abbiamo raccolto oltre 100 firme e minacciato esposti alla Procura della Repubblica, ma ancora non conosciamo tempi, condizioni e modalità di una bonifica parziale e ancora in corso - hanno continuato - nel sito da cui l'inchiesta è partita, il Green Park, dopo due anni di silenzi, giustificati dal sindaco con la scusa delle indagini in corso, adesso si tenta di concludere la rimozione degli inquinanti ammucchiandoli non si sa per quanto a bordo cantiere".

"Intanto, a oggi, le sostanze inquinanti a Pisa come nella totalità degli altri siti sono ancora lì e le nostre domande continuano a non ricevere risposta - hanno concluso - le lungaggini e i silenzi delle istituzioni sono l’ennesima dimostrazione della necessità di non abbassare la guardia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Apre la clinica odontoiatrica del futuro grazie a dei medici pisani: tecnologia di realtà virtuale e aumentata e struttura calata nel paesaggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Cronaca