Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:12 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Variante Omicron, Johnson: «Tampone molecolare e autoisolamento per chi entra in Gran Bretagna»

Lavoro lunedì 12 aprile 2021 ore 16:30

Le Rsu di Ids stanno con la Fiom ed è sciopero

Il presidio di oggi dei lavoratori Ids

"Sulla democrazia i lavoratori non si fanno prendere in giro da nessuno, sui diritti indisponibili inammissibile il referendum" dice Braccini



PISA — "A seguito delle assemblee dei lavoratori Ids di Pisa, Napoli e Taranto, svoltesi oggi - ha fatto sapere Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Cgil Gruppo Ids -, le Rsu dei vari siti produttivi hanno proclamato un pacchetto di ore di sciopero, sia contro il ricatto occupazionale posto dall’azienda come condizione vincolante alla vendita e sia contro l’accordo firmato da sindacati minoritari in deroga al blocco dei licenziamenti".

Due le ore di sciopero attuate oggi, dalle 14 alle 16, altre due ore da fare entro la settimana. Durante lo sciopero è stato fatto anche un presidio davanti l’entrata di ogni stabilimento.

"I lavoratori non intendono sottostare a nessun ricatto - ha sottolineato Braccini -, ritengono l’accordo sindacalmente grave in quanto lascia mano libera all’azienda di poter andare a fare pressione sui lavoratori che hanno il pieno diritto di non essere licenziati, ma soprattutto manca l’acquirente, un piano industriale, l’impegno per la salvaguardia di tutte le sedi, dell’occupazione e quindi le minime garanzie sul futuro del gruppo. Le Organizzazioni sindacali hanno sempre preteso la presenza al tavolo del nuovo acquirente, (si parla di una importante società a maggioranza pubblica), appare quindi incomprensibile come si possa essere arrivati a firmare un accordo senza garanzie"

"Altresì, l’intesa presenta elementi di illegittimità - ribadisce in conclusione l'esponente Fiom -.
Da una parte si dice che i dipendenti eventualmente interessati all’accettazione dell’incentivo all’esodo dovranno sottoscrivere un accordo individuale, dall’atra Ids si riserva di rifiutare le candidature dei dipendenti a cui, a suo giudizio, non si può concedere l’incentivo (si parla di 4 mensilità). Di fatto non esiste adesione volontaria, sceglie l’azienda chi mandare a casa come del resto ha sempre dichiarato di volere fare in tutti gli incontri. Sulla democrazia i lavoratori non si fanno prendere in giro da nessuno, sui diritti indisponibili inammissibile il referendum".

La protesta della Fiom, condivisa dalle Rsu degli stabilimenti Ids di Pisa, Napoli e Taranto, dopo che Fim e Uilm hanno firmato un accordo con il gruppo Ids - e non con l'acquirente, che ancora non si conosce -  che prevederebbe il licenziamento di 27 lavoratori già individuati: 8 a Pisa, 13 a Roma, 3 a Napoli, 2 a Taranto e 1 a La Spezia. Un accordo che per la Fiom, così come per molti lavoratori, è inaccettabile, in quanto ritenuto illegittimo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ferito un giovane di 23 anni, che per i traumi riportati è stato trasportato all'ospedale di Cisanello in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lida Chiavacci Ved. Ginesti

Giovedì 25 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca