Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:20 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Cronaca mercoledì 21 dicembre 2016 ore 22:10

Logli colpevole e condannato a venti anni

La casa di Antonio Logli e Roberta Ragusa ( foto Piero Frassi )

Il marito di Roberta Ragusa riconosciuto colpevole di omicidio e distruzione di cadavere. Gli avvocati hanno annunciato ricorso in appello



PISA — Venti anni di reclusione, obbligo di dimora nei comuni di Pisa e San Giuliano Terme con il divieto di uscire di casa nelle ore serali e interdizione dalla potestà genitoriale, che diventerà però esecutiva quando la sentenza sarà passata in giudicato e cioè se la corte d'appello confermerà la sentenza di primo grado.

Il verdetto pronunciato oggi dal gup Elsa Iadaresta al processo con rito abbreviato per Antonio Logli, il marito di Roberta Ragusa, non ha accolto però la custodia cautelare in carcere, provvedimento che era stato richiesto dal pubblico ministero.

I difensori di Logli, Roberto Cavani e Saverio Sergiampietri, hanno detto che "Le sentenze si rispettano, dopo la lettura delle motivazioni valuteremo come impugnarla". 

"Siamo soddisfatte di questa sentenza - hanno commentato al termine dell''udienza, le cugine romane di Roberta, Marika Napolitano e Maria Ragusa - ma non cambia il dolore per la perdita di Roberta. Non cercavamo vendette, ma giustizia per lei. Ora per i due figli è una tragedia doppia perché oltre alla madre, rischiano di perdere anche il padre, faremo di tutto per cercare un rapporto con loro e per stare vicini a questi ragazzi". 

Ha commentato la sentenza anche il supertestimone Loris Gozi: "Si è messo in gioco per anni la mia vita, dicendo che ero un bugiardo, ora è stato un giudice a stabilire chi aveva detto le bugie. Io non sono contento per i 20 anni a Logli, perché il carcere non si augura a nessuno, però è giusto che chi uccide un''altra persona paghi". 

Soddisfatte per il pronunciamento del gup anche le cugine pisane di Roberta Ragusa, Sonia e Giovanna Alpini: "Dopo anni di sofferenze finalmente è arrivata una sentenza che chiarisce che Roberta non se ne è andata via volontariamente, ma che è stata uccisa per mano del marito".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna, per impedire che la madre si vaccinasse, avrebbe minacciato una giovane dottoressa. Il suo racconto attraverso la Fimmg di Pisa
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità