Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, i 7 anni di Mattarella al Colle

Attualità venerdì 15 aprile 2016 ore 18:00

Mille persone marginali raggiunte e aiutate

Ecco i numeri. Soprattutto homeless, ma anche tossico/alcol dipendenti e persone che si prostituiscono. La Regione continuerà a sostenere



PISA —

Oltre mille persone, vittime delle povertà economiche e relazionali, della violenza di genere, della sottomissione e dello sfruttamento, raggiunte nel 2015 grazie ai sistemi di interventi e servizi a bassa soglia nella Società della Salute della zona pisana. Di questo fenomeno e, più in generale, della realtà dell’alta marginalità in Toscana, si è discusso nel convegno “Passaggio a Nord-Ovest. Cercare la rotta nei servizi a bassa soglia” che si è tenuto a Pisa oggi, dove sono intervenuti, tra gli altri, Sandra Capuzzi, presidente della Sds della zona Pisana e Stefania Saccardi, assessore a diritto alla salute, sociale e sport
della Regione Toscana.

Sono attualmente operativi 14 servizi, di cui 6 unità mobili in contesti di consumo di droghe e di spaccio, tratta e prostituzione, 5 centri di accoglienza a bassa soglia e 3 unità di strada/postazioni attrezzate nei grandi eventi d’aggregazione: servizi che, nel triennio 2013-2015, sono riusciti a intercettare 8.417 persone, di cui quasi 4.000 (3.919) nella zona pisana. In particolare, in quest’area hanno operato le unità mobili di strada relative ai progetti della Sds della zona pisana “Strada facendo. Per una città che si-cura” (che si rivolge a tossico/alcol dipendenti e senza dimora), il progetto “Sally People” (volto alla riduzione dei rischi connessi alla prostituzione di strada) e il Centro di accoglienza diurno di “Progetto Homeless”, che la Regione Toscana ha supportato con uno stanziamento di 306.000 euro l’anno tra il 2013 e il 2015.

“Nel 2015 sono state 1.143 le persone raggiunte da questi servizi (gestiti per la sds dalle cooperative Il Simbolo e Arnéra), un dato in lieve flessione rispetto al 2013 e al 2014 (quando sono state rispettivamente 1.515 e 1.262) – ha ricordato il presidente di Cnca Toscana Fabrizio Mariani -. Di queste, 751 sono senza dimora e/o persone con altre problematiche socio-sanitarie importanti(226 intercettate in strada e 525 al Centro diurno Progetto Homeless), 246 si prostituiscono e 146 sono tossico/alcol dipendenti (anch’essi intercettati in strada)”.

Tra i 146 tossico/alcol dipendenti, 115 sono italiani (95 maschi e 20 femmine) e 31 stranieri (tutti maschi), mentre dei 226 senza dimora intercettati in strada 120 sono italiani (93 maschi e 27 femmine) e 106 stranieri (78 maschi e 28 femmine).

Infine tra le 246 persone che si prostituiscono vi sono 158 donne, 87 transessuali, e un uomo.

Per quanto riguarda i numeri dei senza dimora a Pisa, al centro diurno di via Conte Fazio si registra una media giornaliera di 42 presenze, con punte tra i 60 e i 70 utenti. Sono invece in media 266 gli homeless in città (142 stranieri e 124 italiani), un numero in costante aumento da alcuni anni (+46% rispetto al 2008), con un incremento medio annuo che dopo il biennio 2008-2010 (+14,6%), negli ultimi cinque anni si è attestato attorno al 2,6%, in linea con le cifre Istat.

Il centro diurno e notturno di Progetto Homeless è complessivamente entrato in contatto con 931 persone (302 italiani e 629 stranieri) Dei 302 italiani, circa il 21% sono nati a Pisa, il 19% in altre città della Toscana e il restante 60% proviene da altre regioni, soprattutto del sud Italia. I 629 utenti stranieri provengono invece soprattutto dall’est europeo e dal nord Africa: Romania e Tunisia i paesi più rappresentati.

Per quanto riguarda il fenomeno della prostituzione, il servizio Sally People (che opera nei comuni di Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano) registra una media di 90 persone che si prostituiscono nell’arco della giornata.

Dal secondo semestre 2015 si registra un netto incremento di donne nigeriane: ciò che emerge è che i circuiti della tratta si stanno avvalendo delle rotte del traffico di migranti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso a 75 anni Massimo Bendinelli. Per anni ha gestito il negozio di forniture elettriche in piazza Guerrazzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità